Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:12

Taranto - Buste paga «gonfiate», primi indagati

Secondo gli inquirenti circa 40 dipendenti comunali avrebbero percepito stipendi «gonfiati» con compensi extra per partecipazioni a progetti e altro per centinaia di migliaia di euro, ai quali non avrebbero avuto diritto
TARANTO - Alcune persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Taranto nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte buste paga 'gonfiatè di dipendenti del Comune di Taranto. Lo si è appreso da fonti giudiziarie, anche se non è stato precisato il numero delle persone indagate. L'ipotesi di reato contestata sarebbe al momento quella di truffa.
L'inchiesta è diretta dal sostituto procuratore Ida Perrone, che il 16 settembre scorso, tramite i militari della Guardia di Finanza di Taranto, aveva fatto acquisire una copiosa documentazione nell'ufficio Ragioneria del Comune. I militari hanno sequestrato buste paga, modelli 'Cud' per la dichiarazione dei redditi, delibere sindacali e determine dirigenziali riguardanti circa 40 dipendenti comunali.
Secondo gli inquirenti, questi ultimi, dal 2002 ad oggi, avrebbero percepito stipendi «gonfiati» con compensi extra per partecipazioni a progetti e altro per centinaia di migliaia di euro, ai quali non avrebbero avuto diritto.
L'inchiesta sarebbe scaturita da un esposto pervenuto in Procura. I militari della Guardia di Finanza stanno esaminando la documentazione sequestrata negli uffici comunali.
Secondo fonti investigative, occorreranno circa due settimane per avere un quadro preciso della situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione