Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 09:26

Foggia - Si ribellano ai «caporali»: picchiati

I carabinieri hanno arrestato due rumeni con le accuse di lesioni personali gravissime, estorsione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina
FOGGIA - Non volevano pagare i soldi al «caporale» e per questo sono stati picchiati durante una vera e propria spedizione punitiva ad opera di connazionali. Lo hanno scoperto i carabinieri di Cerignola che hanno arrestato due cittadini rumeni, Zaharia Ispir di 53 anni, e Alexandro Ispir di 48, con le accuse di lesioni personali gravissime, tentata estorsione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.
Vittime dell'aggressione tre ragazzi rumeni che sarebbero stati colpiti con calci, pugni e anche mazze in legno da almeno cinque persone , tre delle quali ancora da identificare. Una delle vittime è stata ricoverata in prognosi riservata al reparto di neurochirurgia degli ospedali Riuniti di Foggia per una emorragia cerebrale. Gli altri due hanno riportato ferite guaribili in 10 e 15 giorni.
Secondo quanto avrebbero accertato i carabinieri, i due arrestati pretendevano dalle vittima 25 euro al giorno per poter lavorare nelle campagne e altri 50 euro, al mese, per poter occupare un casolare dove dormire. Al rifiuto dei tre rumeni, i due «caporali» avrebbero organizzato la spedizione per punire i connazionali che non volevano pagare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione