Domenica 22 Luglio 2018 | 22:23

Regione - I primi 100 giorni della giunta Vendola

Nichi Vendola, presidente regione Puglia BARI - «Non ci sarà nessun atteggiamento autoritario da parte di nessuno»: è questo il criterio che continuerà a seguire la giunta di centrosinistra alla Regione Puglia nelle scelte che verranno fatte in tutti i settori alla ripresa dell'attività, dopo la pausa estiva. Lo ha ribadito il presidente della giunta pugliese, Nichi Vendola (Prc), nel vertice del centrosinistra che si è tenuto oggi in un albergo di Bari per fare il punto dopo i primi 100 giorni di governo.
Alla fine dell'incontro Vendola ha espresso soddisfazione: «la riunione - ha detto - è andata bene, è stata tutta politica». Per quanto riguarda i criteri di scelta dei manager delle Asl Vendola, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha assicurato che «non ci saranno dogane per quanto riguarda la territorialità; verranno scelti sulla base della qualità, della professionalità». Non ha voluto indicare i tempi sulle nomine: prima o dopo l'edizione della Fiera del Levante? «Non si sa, non lo voglio dire», ha risposto. Sentirà i Comuni, l'Anci? Sentire anche troppi soggetti - secondo Vendola - «diventa anche un fatto di oligarchia ma faremo una legge - ha assicurato il presidente della Regione - affinchè i Comuni intervengano in questo tipo di scelte». Alla riunione programmatica del centrosinistra dopo i primi cento giorni di governo della Regione erano presenti tutti i segretari regionali dei partiti della coalizione, i membri della giunta regionale e dei gruppi consiliari dell'Unione.
Ha aperto gli interventi il coordinatore del centro-sinistra pugliese, Onofrio Introna, che ha anche parlato dei problemi dell'agricoltura ed in particolare di quelli dei produttori di pomodori e uva che nei giorni scorsi hanno bloccato strade e ferrovie per protesta. Introna ha affrontato, inoltre, la questione giudiziaria che ha riguardato alcuni arresti nel settore della formazione professionale.
«Questo problema - ha detto il coordinatore dell'Unione - richiede la riforma del settore dell'alta formazione da parte del centro-sinistra». Ha parlato, infine, anche dell'esodo dei dirigenti regionali, dell'esenzione dal ticket sanitario, della riforma della sanità e della nomina dei nuovi direttori generali delle Asl «che deve puntare - ha detto - sui criteri di competenza, professionalità ed eccellenza».
Nel suo intervento conclusivo, Vendola si è detto soddisfatto di questi primi cento giorni di governo della regione. «Adesso parte - ha detto Vendola - la seconda fase. Ora dobbiamo attuare lo statuto, realizzare il decentramento e la concertazione». Il presidente della giunta regionale ha detto che bisogna puntare sulla formazione professionale e sul decentramento delle competenze alle Province e ai Comuni. Ha annunciato inoltre la prossima istituzione dell'avvocatura regionale «che è una scelta - ha sottolineato - strategica e di moralizzazione». Vendola ha anche aggiunto di voler cambiare le politiche industriali attraverso il rapido superamento delle Asi (Aree di sviluppo industriale) e la creazione di agenzie dello sviluppo. Per questo obiettivo uno strumento importante è anche la riforma della Finpuglia «che deve diventare - ha detto Vendola - luogo di organizzazione delle politiche dello sviluppo». Il presidente dell'esecutivo pugliese ha reso noto infine di voler avviare un dibattito sull'energia e sull'eolico e ha annunciato la firma di un accordo tra la grande distribuzione e la produzione agricola per la commercializzazione delle produzioni pugliesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS