Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 22:46

Gargano - Gettano pomodori per protesta

La manifestazione lungo la strada statale 16 che da Carapelle porta a Foggia. Gli agricoltori: «il 40% del frutto rimane sulle piante e non viene venduto. Chiediamo aiuto»
FOGGIA - Pomodori buttati per strada stamani durante la manifestazione dei produttori agricoli della Capitanata che protestano per sollecitare soluzioni al problema dei grossi quantitativi della produzione di pomodori che rimangono invenduti.
Scortati da auto della polizia, della Digos, dei carabinieri e dei vigili urbani, una fila composta da una trentina di trattori, camion e automobili, alcuni dei quali carichi di prodotti agricoli (angurie, pesche, melanzane e soprattutto pomodori), ha percorso a passo d' uomo un tratto della strada statale 16 che da Carapelle porta a Foggia fermandosi nei pressi dello stabilimento Barilla. Gli agricoltori, dopo aver buttato il contenuto dei loro mezzi un po' per strada e il resto nel torrente Cervaro, in località Borgo Incoronata, sono poi tornati indietro concludendo la manifestazione di protesta.

Uno dei rappresentanti dei produttori e dei commercianti, Michele Russo, in testa al corteo, ha spiegato ai giornalisti le ragioni della manifestazione: «La nostra protesta - ha detto - riguarda soprattutto la raccolta dei pomodori che per il 40% rimane sulle piante e non viene venduto. Noi chiediamo ai politici di darci una mano a risolvere i nostri problemi».
I manifestanti hanno avuto un incontro con il prefetto di Foggia, Fabio Costantini, sollecitando un suo intervento presso il governo. La manifestazione di protesta, cominciata alle 7.30 di stamane, si è conclusa dopo alcune ore senza alcun incidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione