Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 17:47

Gheppio abbandonato nel porto di Bari

Secondo gli investigatori, la gabbia potrebbe essere stata abbandonata all'ultimo momento da qualcuno che riteneva di non poter eludere i controlli
BARI - Un giovane esemplare di gheppio, uccello rapace protetto da normative italiane e internazionali, è stato ritrovato chiuso in una gabbia abbandonata nei pressi del varco doganale di Bari. A recuperare il volatile sono stati gli agenti del nucleo Cites (che si occupa del commercio illegale di flora e fauna in via di estinzione) del Corpo forestale dello Stato e militari della Guardia di finanza durante controlli nel porto di Bari, mentre sbarcavano i passeggeri di alcune navi provenienti dall'Albania.
Secondo gli investigatori, la gabbia potrebbe essere stata abbandonata all'ultimo momento da qualcuno che riteneva di non poter eludere i controlli. L'animale è in buone condizioni, è stato rifocillato dagli stessi forestali che hanno poi consegnato l'esemplare all'Azienda regionale per il recupero della fauna selvatica, che ha sede a Bitetto (Bari).

Il nucleo Cites ha presentato una denuncia contro ignoti alla Procura della Repubblica di Bari. Nello stesso tempo sono state avviate indagini per individuare i canali del traffico di animali, che gli investigatori ritengono rifornisca gli allevamenti clandestini. L'esemplare di gheppio ritrovato oggi, sottolinea in proposito la Forestale, si mostrava poco aggressivo, segno che era abituato a vivere in cattività. Gli investigatori non escludono la presenza di allevamenti clandestini di queste specie anche in Albania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione