Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 16:14

A Brindisi aeroporto «doc»

Assegnato al «Papola Casale» il «Certificato di aeroporto» dell'Enac. L'attestato ha base triennale ed evidenzia la conformità a regolamenti italiani e internazionali
BRINDISI - Con una cerimonia che si è svolta oggi nello scalo aeroportuale brindisino, l'amministratore delegato della Seap, Domenico Di Paola, ha ricevuto oggi dal direttore centrale regolazione e pianificazione aeroportuale Enac, Alessandro Cardi, il «Certificato di aeroporto» per il «Papola Casale».
Il documento certifica la conclusione dell'istruttoria eseguita dall'Enac sulle infrastrutture e sui processi operativi della società di gestione ed evidenzia la conformità dell'aeroporto al Regolamento per la costruzione e l'esercizio degli aeroporti, adottato dall'Enac nell'ottobre del 2003 in recepimento dell'annesso 14 dell'Icao (International Civil Aviation Organization), organizzazione dell'Onu che riunisce le Autorità per l'aviazione civile di 188 Paesi.
All'incontro ha partecipato anche il vice sindaco di Brindisi, Paolo Chiantera.

«La certificazione è su base triennale - ha detto Cardi - e prevede un continuo presidio da parte della società di gestione sui processi operativi che impattano sulla sicurezza, a garanzia di un costante circuito che tuteli i passeggeri e la qualità dei servizi resi dagli operatori aeroportuali. Il Regolamento da cui deriva la certificazione è stato introdotto per la prima volta in Italia e riguarda l'idoneità del gestore relativamente alla conduzione in sicurezza delle infrastrutture, degli impianti e delle operazioni aeroportuali. Il programma di certificazione dell'Enac prevede che entro l'anno in corso dovranno essere certificati tutti gli aeroporti. Il 95% del traffico complessivo del nostro Paese, comunque, transita attraverso gli aeroporti ad oggi certificati».
«La certificazione degli aeroporti - ha proseguito Cardi - è un passaggio propedeutico alla concessione della gestione quarantennale. Entrambi gli aspetti rientrano nel programma di modernizzazione del sistema del trasporto aereo nazionale, programma finalizzato ad innalzare ulteriormente la sicurezza degli aeroporti, a garantire uno sviluppo trasparente e competitivo del settore a livello europeo anche attraverso la vigilanza delle tariffe applicate dagli operatori, ed a tutelare la qualità dei servizi resi ai passeggeri».

Di Paola ha sottolineato che la certificazione di Brindisi, a pochi mesi da quella di Bari, «dimostra come e quanto Seap si sia attestata su alti standard organizzativi e di qualità dei servizi». «Su questa linea di eccellenza - ha continuato l'amministratore della Seap - intendiamo proseguire la nostra azione, nell'esclusivo interesse dell'utenza e degli operatori aeroportuali, e nel massimo rispetto della sicurezza, della trasparenza e dell'efficacia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400