Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 23:52

Discarica tra Puglia e Campania: al via protesta gandhiana

Il Coordinamento Nazionale dei piccoli comuni italiani annuncia che proporrà un'astensione collettiva dal cibo per protestare contro la decisione di stoccare i rifiuti piccolo comune di Savignano
BARI - Il Coordinamento Nazionale dei piccoli comuni italiani annuncia in un comunicato che lunedì prossimo proporrà un'astensione collettiva dal cibo per protestare contro la decisione di realizzare una grande discarica piccolo comune di Savignano.
Si legge nella nota che "all'iniziativa promossa dai comitati civici dei piccoli comuni di Panni, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Bovino, Savignano Irpino, Greci, Montaguto; dalle Amministrazioni Comunali e dalla Comunità Montana dei Monti Dauni Meridionali, che si terrà lunedì 4 luglio 2005 alle ore 17.00 presso la sala convegni della Comunità Montana a Bovino (Fg), per dire ancora una volta no alle scelte ingiuste e sbagliate del Commissario di Governo per l'emergenza rifiuti in Campania, Prefetto Catenacci, di realizzare una discarica di fos e sovvalli per 320 mila metricubi, interverrà anche il Portavoce del Coordinamento Nazionale dei piccoli comuni italiani Virgilio Caivano".
Il Coordinamento nelle scorse settimane aveva avanzato ai Presidenti, Bassolino per la Campania e Vendola per la Puglia, la necessità di un tavolo interregionale per trovare soluzioni condivise con le autonomie locali e con le popolazioni al dramma dei rifiuti in Campania e - si legge nel comunicato stampa - "soprattutto per evitare che scelte unilaterali, come quella del Prefetto Catenacci di realizzare una mega discarica ai confini con la Regione Puglia, penalizzassero le speranze di sviluppo di una Regione confinante".
"Una richiesta che fino ad oggi non ha trovato una risposta, se non il silenzio ingombrante della Regione Campania, dato che l'Assessore all¹Ambiente della Regione Puglia, Michele Losappio, parteciperà all'iniziativa di Bovino e la decisione inamovibile del Prefetto Catenacci di realizzare la discarica a Contrada d'Ischia nel territorio del piccolo comune irpino di Svignano", afferma il Portavoce del Coordinamento Piccoli Comuni Virgilio Caivano.
"Una scelta che non condividiamo - ribadisce Virgilio Caivano - che offende la legittima autonomia dei comuni e che noi avverseremo in maniera pacifica, democratica e nel rispetto della legge fino in fondo. Nelle scorse settimane abbiamo proposto alle popolazioni di consegnare le chiavi di casa al Prefetto Catenacci e la risposta delle famiglie è stata imponente. Ad oggi sono oltre mille le chiavi consegnate ai comitati civici di Svignano, Panni, Greci e Montaguto".
"Lunedì a Bovino - conclude il Portavoce del movimento autonomo dei piccoli comuni - proporremmo all'assemblea dei presenti ed alle autorità istituzionali una iniziativa tutta Gandhiana. L'astensione dal cibo collettiva, per arrivare al cuore della pubblica opinione nazionale e fare del piccolo comune di Svignano un caso europeo, per l'ingiustizia che la comunità sta subendo nel silenzio totale della politica e delle istituzioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione