Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 02:10

Bari - Pescaturismo per la provincia

L'iniziativa quest'anno partirà in forma sperimantale • Contro crisi mitilicultori la Regione Puglia studia interventi
BARI - Escursioni in mare su pescherecci per vivere da vicino l'esperienza di una battuta di pesca a cui far seguire la degustazione del pescato, cucinato sulla stessa imbarcazione, oltre alla possibilità di assaggio di alcuni tra i prodotti tipici locali. Questo si propone il progetto «Pescaturismo» della Provincia di Bari, al quale nei prossimi giorni aderiranno i comuni di Bari, Molfetta, Polignano, Monopoli, Giovinazzo e Mola. L'iniziativa, che quest'anno partirà in forma sperimantale, è stata illustrata dal presidente della Provincia, Vincenzo Divella, dall'Assessore al Turismo, Vito Palmieri e dalla ideatrice e curatrice del progetto, Marina Boccongelli.

La proposta di sviluppare il Pescaturismo è stata accolta favorevolmente dalle Amministrazioni interessate, tra l'altro, supportata dall'esperienza già collaudata ed esposta dall'assessore alle Risorse del Mare del Comune di Mola, Giuseppe De Silvio.L'amministrazione di Mola, infatti, da circa un anno ha promosso questa nuova forma di turismo, legata al mare, riscuotendo un grande successo, tanto da sottoscrivere un accordo con la Costa Crociere, che tra le proprie proposte di escursione all'approdo barese, segnala la gita in peschereccio con battuta di pesca.

«Per quanti amano il mare - ha spiegato il Presidente Divella - il Pescaturismo rappresenta una opportunità unica per passare alcune ore in completo relax a bordo di imbarcazioni tradizionali, conoscere e godere delle bellezze delle coste viste dal mare, ma soprattutto vivere l'antico e sempre affascinante mestiere del pescatore».
«Dal punto di vista prettamente promozionale - ha aggiunto l'assessore Palmieri - il Progetto del Pescaturismo, al quale la Provincia ha immediatamente creduto, rappresenta una serie di sbocchi occupazionali per una categoria, quella dei pescatori, spesso sottoposta, proprio nel periodo estivo a seguito del fermo biologico, a non poter svolgere il proprio lavoro. In questo modo, invece, i pescatori potrebbero utilizzare i propri pescherecci per accompagnare i turisti nel Pescaturismo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione