Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 05:50

Ai «domiciliari» il padre di Giusy Potenza

Carlo Potenza colpì con un coltello Pasquale Mangini il padre di una delle due ragazze arrestate con l'accusa d'aver indotto alla prostituzione sua figlia
FOGGIA - Carlo Potenza, il padre di Giusy -la ragazza uccisa a Manfredonia il 12 novembre dello scorso anno e il cui corpo è stato rinvenuto il giorno successivo nelle campagne sipontine- ha ottenuto gli arresti domiciliari. Il 30 maggio scorso, Potenza colpì all'addome con un coltello Pasquale Mangini il padre di una delle due ragazze arrestate dagli agenti di polizia perchè accusate di aver indotto alla prostituzione la figlia del pescatore. Il provvedimento è stato emesso questo pomeriggio dal gip del tribunale di Foggia Lucia Navazio, che ha accolto la richiesta della difesa che più di una volta aveva espresso l'opinione che l'ambiente carcerario poteva essere peggiorativo per Potenza. Il magistrato ha disposto gli arresti domiciliari in altro luogo fuori da Manfredonia, al momento segreto. Grande soddisfazione per la concessione degli arresti domicialiari del legale dell'uomo, l'avvocato Innocenza Starace che ha avuto anche parole di apprezzamento per la dottoressa Navazio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione