Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 12:02

Ecco la «vera» passata di pomodoro

Accordo di filiera tra Coldiretti e Associazione italiana industrie prodotti alimentari per difendere il prodotto italiano dalle contraffazioni
ROMA - «Una iniziativa comune per difendere la vera passata Made in Italy ed evitare che venga venduto al consumatore un prodotto completamente differente da quello richiesto». E' questo il contenuto dell'accordo di filiera raggiunto tra il presidente della Coldiretti, Paolo Bedoni e presidente del gruppo derivati del pomodoro dell'Aiipa (associazione italiana industrie prodotti alimentari),Marcello Mutti. Le principali organizzazioni di rappresentanza della coltivazione e della trasformazione industriale del pomodoro in Italia convergono sul comune obiettivo di difendere la produzione di passata Made in Italy, dal campo alla tavola, con misure finalizzate a garantire la qualità del prodotto e la trasparenza dell'informazione ai consumatori in etichetta.
«E' necessario - sostengono Coldiretti ed Aiipa - che la passata sia ottenuta solo da pomodoro fresco: tutti gli altri prodotti, ottenuti dalla diluizione del concentrato, potranno essere posti in vendita sul mercato nazionale solo con denominazioni differenti, tali da non creare confusione». Un' esigenza questa, secondo le associazioni, volta ad evitare che venga spacciato, come Made in Italy un prodotto ottenuto dalla rilavorazione di concentrato di pomodoro di qualunque provenienza ed in particolare di prodotto cinese, la principale voce delle importazioni di prodotti agroalimentari in Italia, con un valore che nel 2004 ha superato i 62 milioni di euro.
La passata, secondo le due associazioni, è uno dei derivati del pomodoro preferiti dagli italiani, che nel corso del 2004 hanno incrementato gli acquisti familiari del 10% per una quantità media che, secondo i dati dell'Osservatorio Ismea-Ac Nielsen, ha raggiunto il consumo di undici chilogrammi di prodotto per nucleo famigliare. Nel 2004 l'Italia (secondo trasformatore mondiale di pomodoro dopo gli Stati Uniti) ha destinato all'industria un quantitativo che ha superato 5,8 milioni di tonnellate, il 75% dei quali ottenuto in Puglia ed Emilia Romagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione