Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 18:28

A Mottola una focaccia da Guinnes

Il panificatore Pietro Cantucci (suo il panino lungo 634 metri), dal 4 al 6 agosto prossimi, tenterà di realizzare una focacciona di 425 metri quadrati di superficie
MOTTOLA (TA) - La famiglia Cantucci, panificatori, da tre generazioni, cercherà dal 4 al 6 agosto prossimi di scrivere nuovamente il proprio nome nel Book of Record, custodito a New York, con la focaccia più grande del mondo.
Per confezionarla saranno coinvolti i panettieri professionisti della ditta Cantucci e non meno di 50 volontari per 50 ore consecutive.
Pietro Cantucci, titolare di un panificio con esperienza da tre generazioni ed ideatore di quest'altra sfida, non è nuovo alle imprese estreme. Lo scorso anno, infatti, ha già portato a casa il record per un megapanino lungo ben 634 metri e 50 centimetri.
«Abbiamo trovato il modo di registrare la richiesta di Guinness per la focaccia, che nel mondo anglosassone non esiste, sotto la voce di pane condito - spiega il recordman - e ora ci stiamo dedicando a mettere a punto i dettagli tecnici, il programma di spettacoli e le degustazioni enogastronomiche che accompagneranno la sfida».
Quella che diventerà la maxi focaccia (che più maxi non c'è nel mondo) avrà una superficie di 425 metri quadrati ed un diametro di 22 metri. Sarà necessaria, poi, la piazza più grande del paese, ampia ben 5 ettari, per impastarla, farla lievitare, condirla e cuocerla ed ottenere, così, la focaccia del peso di 280 quintali, farcitura esclusa.
Gli ingredienti previsti per l'impasto sono anch'essi da capogiro: saranno utilizzati 2.000 kg di farina, 12.000 litri di acqua, 40 kg di sale. Così come le quantità per la farcitura. Per condire la mega focaccia, infatti, ci vorranno circa 400 chili di pomodoro e 600 di pregiato olio extravergine di oliva.
L'eccezionalità dell'evento nei tre giorni di sfida sarà, poi, amplificato dalla tecnica tradizionale di panificazione che verrà utilizzata. Il panificio Cantucci si avvale abitualmente per le sue produzioni della massa acida, il cui "segreto" viene tramandato da 130 anni, che deve essere rinfrescata e lavorata ogni quattro ore. Per tentare di realizzare il Guinness di sabato 6 agosto saranno necessari 500 kg della base della lievitazione naturale, quando solitamente se ne impiega solo 2 kg per produrre 7 quintali di pane al giorno.
Quando è stato lanciato il guanto di sfida ai panettieri di tutto il mondo, la domanda più immediata è stata: quante porzioni verranno fuori dalla maxi focaccia?
Dal "paninone" dello scorso anno ne sono venute fuori 19.000, tante quante il numero di abitanti di Mottola.
Paolo Lerario
lerariop@libero.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione