Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 02:59

Andria - Arrestati due ladri di querce

Avevano disboscato 18 ettari di terreno in un'area a ridosso di Castel del Monte, in parte ricadente nel Parco dell'Alta Murgia. Ammanettati dai Carabinieri su segnalazione di Enalcaccia e Corpo forestale dello Stato
ANDRIA (Bari) - Avevano disboscato 18 ettari di terreno, tagliando querce secolari in un'area a ridosso di Castel del Monte, in parte ricadente nel Parco dell'Alta Murgia, in parte in una zona protetta per volatili: con questa accusa due cittadini di Andria sono stati oggi arrestati. Sono Giulio Quagliarella, di 41 anni, e Antonio Pastore, di 47, che sono stati posti agli arresti domiciliari.
A scoprire lo scempio circa due settimane fa furono le guardie federiciane dell'Enalcaccia: la loro segnalazione fu inviata al Corpo forestale dello stato che pose sotto sequestro la zona. Oggi i Carabinieri di Andria, in seguito alle indagini avviate e coordinate dal sostituto procuratore presso il Tribunale di Trani Antonio Savasta, e in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare hanno arrestato i due uomini.
Quagliarella e Pastore sono accusati di disboscamento e violazione di leggi che riguardano la tutela delle aree protette e sottoposte a vincolo paesaggistico e boschivo, danneggiamento aggravato, deturpamento di bellezze naturali e dissesto idrogeologico. Gli alberi abbattuti erano 'patriarchì, querce secolari che avevano grosse radici indispensabili anche per assorbire la pioggia in eccesso nel terreno.
Oltre ai due uomini, una terza persona è stata denunciata, una donna di 70 anni; a suo carico proseguono le indagini che dovranno accertare se fosse a conoscenza di quanto stava avvenendo nel terreno di sua proprietà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione