Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 16:16

Il Papa a Bari rilancia il dialogo

Una folla di circa 150mila fedeli (se ne aspettavano almeno il doppio) ha dato il benvenuto a Benedetto XVI che ha concluso una settimana di incontri per il Congresso nazionale eucaristico. Nell'omelia la parte centrale sull'ecumenismo, nel rispetto della domenica «Senza la quale non si può vivere». Al testo scritto ha aggiunto tre parole: giovani, gioia e felice
• Andrea, 6 mesi, il più giovane dei Papa Boys
BARI - «Gesti concreti» di ecumenismo come suo impegno principale e riscoperta della domenica contro «secolarismo e consumismo sfrenato» come obiettivi per tutti. Più la volontà di essere presente a uno «straordinario evento ecclesiale» da lui guidato entro binari strettamente spirituali. Questo il senso che Benedetto XVI ha dato al suo primo viaggio in Italia e primo del pontificato, tanto breve per durata quanto significativo per chiarire le priorità e lo stile del successore di Giovanni Paolo II, e il suo rapporto con la Chiesa italiana di cui ha il titolo di primate.

Arrivato alle 9,30 in elicottero nell'ansa Marisabella di Bari Papa Ratzinger si è concesso alla folla di circa 150.000 persone facendo un ampio giro sulla papamobile bianca coperta, sorridendo e facendo cenni di saluto in risposta alla calorosissima accoglienza dei fedeli.
Vestiti i paramenti liturgici, sotto il palco e rapidissimamente ha ricevuto il saluto delle autorità. Sei guardie svizzere in uniforme di gala gli hanno presentato gli onori, ripristinando una prassi dei tempi di Giovanni XXIII. Ha poi dato inizio alla messa, festosa e solenne, con echi orientali nel Vangelo proclamato anche in greco. Nell'omelia ha evitato qualsiasi accenno al referendum sulla procreazione assistita che si svolgerà in Italia, che aveva percorso parallelamente i lavori del congresso eucaristico, cominciato il 21 maggio nella città del santo venerato anche dagli ortodossi, le cui ossa nella chiesa cittadina di san Nicola sono meta di pellegrinaggio anche dalla Russia.

Ha spiegato di essere a Bari in comunione con la Chiesa italiana che si interroga sul senso della domenica e vuole mettere Cristo al centro della propria vita: «neppure per noi - ha osservato - è facile vivere da cristiani» in mezzo a secolarismo chiuso alla trascendenza, consumismo sfrenato, indifferenza religiosa che possono far apparire «un deserto» le nostre esistenze. Ha quindi invitato a riscoprire la festa cristiana non come «un dovere» ma come un «bisogno e una gioia». Ha chiarito che Cristo non si può «addolcire» e ha ricordato la «presenza reale» di Cristo nell'eucaristia, non riconosciuta da una parte del mondo protestante. Ricollegando l'eucaristia all'unità, si è rammaricato del fatto che «i cristiani sono purtroppo divisi». Con decisione ha ribadito il proprio impegno per favorire l'«ecumenismo spirituale» e si è impegnato a «gesti concreti» per rendere «piena e visibile l'unità di tutti i seguaci di Cristo».

Al testo scritto che aveva preparato il Papa ha aggiunto tre parole: giovani, gioia e felice, mentre ha omesso una decina di righe di una dotta osservazione su sant'Agostino. Si è rassegnato a 14 applausi che hanno interrotto l'omelia, qualcuno ha tentato le acclamazioni «Benedetto, Benedetto», ma con poca convizione, e anche gli striscioni inneggianti al Papa erano ridotti al minimo. Dopo un giro in papamobile a fine messa papa Ratzinger è ripartito in elicottero secondo programma. Dobbiamo «riscoprire la gioia della domenica cristiana» e chiederci come potremmo vivere senza Cristo è il suo messaggio conclusivo alla Chiesa italiana riunita in congresso, alla quale domani si rivolgerà di nuovo ricevendo in Vaticano la Cei riunita in assemblea generale.
Nelle due ore e mezzo trascorse a Bari a sei settimane dalla sua elezione, Benedetto XVI ha disegnato la cifra del proprio pontificato che avrà l'ecumenismo come una delle priorità e concederà poco a cerimoniale e spettacolarizzazioni. Un pontificato da interpretare più che da guardare in tv e che concede poco alle esigenze delle grandi folle.

Giovanna Chirri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione