Cerca

Martedì 23 Gennaio 2018 | 22:36

Gallipoli - Il 36° Premio Barocco

Il 13 giugno, con diretta Rai 1 in prima serata, il premio a personalità della cultura, dell'arte, dell'economia, della scienza. Primi nomi sugli animatori della serata: Nancy Brilli, Massimo Ranieri e Cristian De Sica
LECCE - Presentata a Lecce, a Palazzo Adorno, la 36ª edizione del "Premio Barocco", organizzato dall'omonima Fondazione di Gallipoli.
Il 13 giugno, con diretta Rai 1 in prima serata, sarà conferito il premio a personalità della cultura, dell'arte, dell'economia, della scienza. Nessuna indiscrezione su come si svolgerà la serata, che dovrebbe comunque essere animata, tra gli altri, da Nancy Brilli, Massimo Ranieri e Cristian De Sica.
«Se ne parlerà in una successiva conferenza stampa» ha detto Fernando Cartenì, presidente del "Premio Barocco". «Lo ha disposto la Rai. I premiati - ha però detto - saranno di grosso spessore. Vi dico che noi, la Città del Libro, l'Università di Lecce, stiamo lavorando per una serata indimenticabile, degna del Premio Barocco. Vogliamo che questo premio, che il Salento, che la Puglia trionfi».
Cartenì ha anticipato che «i Premi Award 2005 sono stati assegnati al prefetto Nicola Cavaliere, ai magistrati Cataldo Motta e Patrizia Ciccarese, a Vincenzo Spano, Rico Semeraro e Marcello Favale». Saranno consegnati a conclusione del convegno su «La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale nelle nuove norme e nell'esperienza applicativa». L'importanza di questo convegno, che si terrà il 15 giugno, con inizio alle ore 9, a bordo della nave passeggeri "Guglielmo Mazzola", attraccata nel porto commerciale, è stata sottolineata da Mario Luigi Torsello, consigliere di Stato.
Dopo aver detto che «il convegno è patrocinato dal Consiglio di Stato, ed è questa la prima volta che ciò avviene, dal Tar di Lecce e dal Ministero dei beni culturali», ha detto: «Crediamo che occorre una nuova e più forte attenzione verso il sistema beni culturali, che può anche essere il punto di partenza per una ripresa del nostro sistema economico».
Il convegno si occupa di valorizzazione e di tutela, «perché - ha spiegato Torsello - l'operazione che abbiamo cercato di fare con il codice dei beni culturali è di cercare di risanare la frattura che c'è tra tutela e valorizzazione, una frattura che poteva essere causa di conflitti tra Stato, Regioni, Province e Comuni».
La provincia di Lecce ha stanziato per il Premio Barocco 100.000 euro. «Abbiamo deciso di valorizzare il Premio Barocco, perché crediamo che sia un mix tra cultura, spettacolo e marketing territoriale», ha detto Sandra Antonica, assessore alla Cultura della Provincia di Lecce, che ha anche assicurato il proprio impegno perché il consiglio provinciale approvi il protocollo d'intesa, tra l'ente Provincia e la fondazione Premio Barocco. «Promuove - ha proseguito Antonica - l'immagine del Salento già da alcuni anni. Gli enti devono assumersi la responsabilità di promuovere iniziative di questo tipo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400