Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 05:55

Una Fondazione per Carmelo Bene

Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a colloquio a Roma con Maria Luisa, la sorella dell'artista salentino, per un progetto da varare ad Otranto
BARI - Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, incontra oggi a Roma la sorella di Carmelo Bene, Maria Luisa, per discutere sulla possibilità di istituire ad Otranto (Lecce) la "Fondazione Bene". Questa dovrebbe avere come sede "L'immemoriale", la casa dell'attore nel centro storico idruntino, e nascere con il contributo della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e del Comune di Otranto.
L'incontro è stato sollecitato da Maria Luisa Bene, da tempo in contrasto con la moglie di Carmelo Bene perché sostiene di essere depositaria delle ultime volontà dell'attore per quanto riguarda la nascita della Fondazione. Maria Luisa Bene ha chiesto di incontrare Nichi Vendola, perorando in particolare un suo intervento, per il timore che la Fondazione possa essere istituita non ad Otranto ma a Roma dopo che il Comune capitolino ha promosso, dal 30 aprile scorso al 28 maggio prossimo, una serie di manifestazioni per ricordare l'attore. Dopo l'annuncio dell'iniziativa per ricordare l'attore, Maria Luisa Bene ha anche avviato una manifestazione di protesta, attuando uno sciopero della fame.
Tra l'altro la manifestazione romana, che si svolge nella casa dei Teatri a Villa Pamphili, prevede il 21 la presentazione della nuova edizione dei suoi testi da parte della Bompiani, con Elisabetta Sgarbi e Enrico Ghezzi; il 28 maggio Jean-Paul Manganaro su "Amleto e Pinocchio, due funzioni per ricrearsi", cui darà seguito Camille Dumoulliè su «Pentesilea o questo buio dentro noi femmineo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione