Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 22:10

Grottaglie - Una festa per l'Africa

Dal 17 al 25 maggio l'evento centrale della primavera, in collaborazione con la Provincia di Taranto e l'assessorato all'Istruzione della Regione Puglia. Un calendario molto fitto di manifestazioni per la vita
GROTTAGLIE (Taranto) - Il continente africano con le sue bellezze e con le sue "paure", con le sue guerre dimenticate e con le sue vittime innocenti, con le sue ricche tradizioni culturali e con la sua povertà è nel cuore di chi vuole per l'Africa un destino diverso.
Il continente "nero", perciò, sarà l'unico protagonista dell'appuntamento centrale della primavera di Grottaglie con l'iniziativa "Verso l'Africa: la grande festa della vita".
La kermesse si snoderà dal martedì prossimo 17 maggio sino al successivo 25 ed è stata promossa dall'Amministrazione comunale grottagliese, in collaborazione con la Provincia di Taranto e l'assessorato all'Istruzione della Regione Puglia.
«Un appuntamento - come spiega l'assessore comunale alla Cultura, Marisa Patruno - che viaggia sotto il nome di "Cultura e Culture" e coinciderà con la Settimana della Cultura. A Grottaglie, l'evento troverà spazio nella traccia di una grande iniziativa con il percorso conoscitivo multiforme che vuol guardare all'integrazione fra i popoli come ad un indirizzo necessario che deve contraddistinguere gli Enti Locali impegnati. Questo progetto sull'Africa è stato svolto un lavoro di rete con le scuole, le associazioni non governative e tutta la città: soggetti accomunati contro la violazione dei diritti umani e nel rispetto universale della libertà dell'uomo».
Il progetto, curato da Loredana Crescenzio organizzatrice delle Giornate sull'Africa, prevede un calendario molto fitto di manifestazioni affinché l'opinione pubblica sia coinvolta per sollecitare una concreta azione internazionale verso la tutela dei diritti fondamentali dell'uomo e della volontà di relegare la povertà ad una tragica realtà storica.
L'appuntamento primaverile "Verso l'Africa" intende lanciare, infatti, un appello alle Autorità governative nazionali, europee ed internazionali affinché si avvii un impegno comune per la difesa dei diritti fondamentali dell'uomo e per la cancellazione del debito per i Paesi più poveri. Ma anche unirsi alle tante altre iniziative avviate in diverse parti del pianeta affinché la cancellazione del debito sia al centro della riunione del G8, programmata per il prossimo luglio a Gleneagles in Scozia.
La partecipazione all'iniziativa di Grottaglie dell'Unicef, Nigrizia, Amnesty International, Amref, Caritas Italiana, Cipsi, Emergency, Focsiv, Medici Senza Frontiere, Legambiente, Centro San Francesco De Geronimo, Ararat onlus e Titania vuol intendersi come l'impegno collettivo, che parte anche dalla provincia ionica, per il riconoscimento dei diritti, universalmente riconosciuti, come la pari dignità e libertà. L'ampio impegno delle tante organizzazioni intende anche sollecitare l'accesso ai farmaci essenziali per curare l'Aids ed altre patologie, che nell'Occidente sono ormai considerate "banalità"; sostenere le ONG nella creazione delle attività produttive locali, che mettano in condizione gran parte dei suoi abitanti di costruire la loro Africa, grazie all'utilizzo delle proprie risorse naturali, e stabilire l'embargo totale alla vendita delle armi nel proprio continente.
Paolo Lerario
lerariop@libero.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione