Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 12:01

Brindisina prima donna tenente medico degli Alpini

Si chiama Helga Consolo ed è da poco arrivata presso il VI Reggimento Alpini di Brunico in Val Pusteria. Il suo nome nordico lo deve a suo padre - spiega - un appassionato di storia dei Sassoni
BOLZANO - Ha un curriculum di tutto rispetto la prima donna tenente medico degli Alpini - insieme alla collega Lidia Sarnataro della Brigata "Julia" - in servizio in Italia. Si chiama Helga Consolo ed è di Brindisi e da poco arrivata presso il VI Reggimento Alpini di Brunico in Val Pusteria. Il suo nome nordico, per niente pugliese, lo deve a suo padre - spiega - un appassionato di storia dei Sassoni.
Helga, 28 anni, ha un curriculum di tutto rispetto: dopo una laurea con lode all'Università del Sacro Cuore di Roma con un esperienza di tre anni nelle corsie del Policlinico «Gemelli», si specializza in bioetica all'Università europea dei Legionari di Cristo a Roma. Prosegue poi la sua formazione con due master, uno in psicologia della consultazione e un altro in «pastoral counseling», che - spiega - è rivolto all'assistenza psicologica dei religiosi, in particolare alle dinamiche intracomunitarie.
Dopo qualche anno in qualità di ricercatrice e sette pubblicazioni su riviste specializzate internazionali sulle cellule staminali, Helga accetta di lavorare in Vaticano. Ma lo stipendio non le basta a coprire l'affitto. «Così mi sono guardata intorno e mi sono arruolata, ma non è stata solo una scelta economica, quello che mi ha spinto sono anche e soprattutto i valori che persegue l'esercito, come ad esempio, la solidarietà. Ed è per questo che ho subito accettato di far parte delle missioni di pace e mi sono ritrovata praticamente al fronte al confine serbo-croato. Non sono rimasta molto, solo 15 giorni, poi è stata la volta della Tanzania e poi del Brasile dove sono rimasta rispettivamente per un mese», dice Consolo.
A Brunico dice di esservi arrivata con un po' di timore, ma l'accoglienza è stata straordinaria. «Qui mi trattano come un "signor ufficiale" e sembra che facciano a gara per rendermi più familiare l'ambiente», racconta Helga che sottolinea anche il rispetto e la stima dei suoi superiori e del personale di servizio nei confronti dell'unica donna del VI Reggimento Alpini di Brunico.
Fra qualche giorno inizierà per la Consolo il primo corso di addestramento di roccia. «Gli ufficiali medici devono infatti sapersi muovere in montagna, sono infatti alpini a tutti gli effetti», spiega la tenente. Seguiranno corsi d'addestramento di sci alpinismo e di paracadutismo, aggiunge l'ufficiale medico.
Helga Consolo pur essendo l'unica donna del VI Reggimento Alpini di Brunico non è l'unica donna in servizio presso i reparti alpini. Sono ben 180 le donne, per lo più caporalmaggiori, in servizio nelle varie caserme in Alto Adige. Alcune di loro sono alpini paracadutisti.
Iris Garavelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione