Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 19:21

Puglia - Composta la nuova squadra regionale

Il neopresidente della Regione, Nichi Vendola, ha ufficializzato a conclusione di un vertice con i partiti della maggioranza la composizione della nuova giunta.
Sono 14 gli assessori, quattro dei quali donne. Non mancano le polemiche, durissime in particolare con il Partito dei Comunisti Italiani
Nichi Vendola BARI - Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha ufficializzato a conclusione di un vertice con i partiti della maggioranza la composizione della nuova giunta regionale. Sono 14 gli assessori, quattro dei quali donne. La giunta nasce però tra polemiche durissime con il Partito dei Comunisti Italiani che nel pomeriggio riunirà la segreteria regionale per decidere che posizione prendere rispetto alla maggioranza.
Vendola non ha infatti scelto tra gli assessori quello indicato dal partito e ha indicato un tecnico di area che il Pdci non riconosce come proprio esponente. Complessivamente sono quattro gli assessori indicati da Vendola, tre quelli dei Ds, due della Margherita e uno ciascuno per Verdi, Sdi, Udeur, Prc e Socialisti Autonomisti.

La riunione è cominciata in tarda mattinata, Nichi Vendola, con i partiti del centrosinistra ai quali Vendola presenta la propria proposta di composizione della giunta prima dell' ufficializzazione. All' incontro non partecipa alcun esponente dell'Italia dei Valori, mentre è presente una delegazione dei Comunisti Italiani: entrambi i partiti sono in forte polemica con Vendola per la composizione della giunta. Alla riunione partecipano, oltre a partiti della coalizione, anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano, e il presidente della Provincia di Bari, Vincenzo Divella, in rappresentanza della Lista Primavera Pugliese, nessun esponente della quale è previsto entri nell'esecutivo.
Il partito dei Comunisti Italiani è in polemica con Vendola perchè il presidente della giunta non ha accolto la proposta di affidare un incarico assessorile al segretario regionale, Giovanni Valente. Vendola ha invece invitato in quota Pdci il lavorista Marco Barbieri che il partito non riconosce come proprio esponente. Sulla vicenda ieri il segretario nazionale del partito, Oliviero Diliberto, aveva duramente criticato il comportamento di Vendola. Se non si dovesse ricomporre la spaccatura, i Comunisti Italiani potrebbero decidere l'appoggio esterno o addirittura l'uscita dalla maggioranza.

LA SQUADRA
La prima riunione di giunta si terrà lunedì prossimo, mentre oggi pomeriggio Vendola firmerà i decreti di nomina degli assessori.

Questi gli assessori e le deleghe.
Nichi Vendola (Prc), presidente con delega al coordinamento della politica estera, rapporti istituzionali, enti locali e decentramento, legale, protezione civile e legislativo.

Vicepresidente della giunta sarà Sandro Frisullo (Ds) con delega a sviluppo economico, attività produttive, industria, industria energetica, artigianato, commercio, innovazione tecnologica, fiere e mercati.

Questi gli assessori indicati da Vendola:
Francesco Saponaro (Bilancio e programmazione),
Silvia Godelli (Mediterraneo, cooperazione economica sociale e culturale con le Regioni del bacino del mediterraneo, attività culturali e Pace),
Angela Barbanente (assetto del territorio, urbanistica, edilizia residenziale pubblica),
Marco Barbieri (Lavoro, cooperazione e formazione professionale).

I Ds in giunta, oltre a Frisullo, sono:
Mario Loizzo (trasporti e vie di comunicazione)
Elena Gentile (politiche sociali e flussi migratori).

Due gli assessori della Margherita:
Enzo Russo (Risorse agroalimentari)
Guglielmo Minervini (trasparenza e cittadinanza attiva, gestione risorse umane, affari generali, contratti e appalti, contenzioso, demanio marittimo, sport e politiche giovanili).

Per i Verdi: Paola Balducci (diritto allo studio, pubblica istruzione e università, beni culturali, musei, archivi, biblioteche e ricerca scientifica);
per lo Sdi Onofrio Introna (opere pubbliche: lavori pubblici, difesa del suolo e risorse naturali);
per l'Udeur Massimo Ostilio (turismo e industria alberghiera);
per il Prc Michele Losappio (Ecologia: tutela dell'ambiente, politiche energetiche, attività estrattive, smaltimento dei rifiuti, aree protette);
per i socialisti autonomisti Alberto Tedesco (politiche della salute).

Vendola ha poi annunciato che il presidente del consiglio regionale sarà Piero Pepe, della Margherita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione