Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 20:52

5 giorni di sciopero alla «Gazzetta»

Scatteranno se venisse confermato l'annunciato licenziamento di un giornalista in malattia. L'Edisud: sempre rispettate contrattazione collettiva e leggi vigenti
«La Gazzetta del Mezzogiorno» BARI - Nella giornata di oggi il nostro Giornale non è stato in edicola a causa di un'assemblea dei giornalisti, che si è protratta fino a tarda notte, convocata dopo l'annunciato licenziamento di un collega in malattia.
Sottolineando la gravità dell'atto, l'assemblea dei redattori respinge in maniera perentoria tale decisione dell'azienda, assunta in forme e secondo procedure arbitrarie e in totale contrasto con le norme previste dal contratto nazionale di lavoro.
Domani, tutti i giornalisti de «La Gazzetta del Mezzogiorno» torneranno a riunirsi in assemblea alle 15, nella sede centrale, per decidere ulteriori azioni di lotta da intraprendere nel caso in cui l'azienda non dovesse rapidamente revocare, in maniera definitiva, la decisione di procedere al licenziamento.
Il collega, attualmente in malattia, sarebbe «colpevole» secondo l'azienda di aver esercitato un diritto garantito dalla Costituzione a tutti i cittadini, quello di agire in giudizio a propria tutela.
L'assemblea ha, pertanto, proclamato 5 giorni di sciopero da effettuare se l'azienda non revocherà il provvedimento di licenziamento; giornate di sciopero che l'assemblea stessa annuncerà ad horas.
L'assemblea, tra l'altro, ha stigmatizzato il comportamento dell'editore che, di fatto, ha inteso sostituirsi alla magistratura ed agli stessi medici nel proclamare che lo stato di malattia del collega non è tale da impedirgli la prestazione lavorativa, benché questo impedimento sia confermato da certificati medici dei quali peraltro non si contesta la veridicità.
I redattori della «Gazzetta del Mezzogiorno» denunciano che l'attacco al collega costituisce l'ennesimo atto di aggressione nei confronti dell'intero corpo redazionale.
L'Assemblea dei redattori

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione