Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 12:35

Lecce - Rissa al bar, un morto

Accoltellato Fabrizio De Matteis, 25 anni, di Cavallino, noto alle forze di polizia. Il diverbio, forse legato alla presenza di alcune donne, è degenerato in zuffa
LECCE - Un giovane è stato ucciso in una rissa la notte scorsa a Lecce davanti ad un bar. Si chiamava Fabrizio De Matteis, aveva 25 anni ed era nato a Cavallino: era noto alle forze di polizia perchè accusato di reati contro il patrimonio. I carabinieri stanno sentendo ora in caserma numerose persone che al momento dell'omicidio erano davanti al bar - che rimane aperto durante tutta la notte - e potrebbero raccontare quel che hanno visto.

A quanto si è saputo, De Matteis è stato colpito con coltellate. Soccorso, è stato condotto nell'ospedale «Vito Fazzi» di Lecce, dove è morto poco dopo.
Il giovane era con varie altre persone davanti al bar quando, forse per un diverbio legato alla presenza di alcune donne, è cominciato un litigio degenerato in una zuffa e, infine, nell'accoltellamento.
I militari - a quanto si è saputo - escluderebbero per il momento che, tra le persone bloccate dopo l'uccisione vi sia anche l'omicida, ma ritengono di poter presto giungere ad una ricostruzione attendibile dell'accaduto.

Sono state due le coltellate che hanno ucciso il giovane: una sotto le costole a destra, che gli ha leso il fegato, e la seconda all'altezza del cuore.
I medici del Vito Fazzi, dove De Matteis è giunto già morto trasportato a bordo dell'automobile di un amico, gli hanno riscontrato anche ferite sulla fronte e sotto la palpebra destra, che potrebbero essere state causate da pugni.
Il giovane, che era nato a San Pietro Vernotico (Brindisi) ed aveva 24 anni, era - secondo quanto precisato dai carabinieri - 'avvisato orale' ed aveva precedenti di polizia per furto, lesioni personali, rissa e incendio doloso. Avrebbe, infatti, insieme con altri coetanei dato fuoco nel 2001 all'abitazione del sindaco di Lizzanello, un comune vicino a Cavallino, paese dove risiedeva.
Gli investigatori, tuttora impegnati ad ascoltare giovani che erano presenti all'accaduto, hanno accertato che l'omicidio è legato alla violenta rissa scaturita da alcuni apprezzamenti rivolti da giovani che si trovavano dinanzi al locale ad alcune ragazze che erano in compagnia di De Matteis. Questi avrebbe reagito e da lì sarebbe cominciata la zuffa, che ha coinvolto numerose persone.
Il bar Leopardi, dove è stato compiuto l'omicidio, si trova sul viale della circonvallazione di Lecce, nei pressi del sottovia, ed è frequentato di notte da giovani che si fermano a prendere cornetti appena sfornati prima di rientrare a casa.
Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, Giovanni Gagliotta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione