Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 03:03

«Radiodervish for Vendola»

La Puglia fa capolino sul palco del concerto romano del 1° Maggio con il cantante Nabil che dedica al neo presidente della Regione, Nichi Vendola, «Tu sì 'na cosa grande»
BARI - E' con Nabil e i suoi Radiodervish che la Puglia fa capolino sul palco del concerto romano del 1° Maggio. Il cantante (palestinese ma pugliese d'adozione) introduce alle migliaia di ragazzi strizzati in piazza san Giovanni questa «terra di confine» in cui, dice, «stanno avvenendo cose molto straordinarie». L'enigma si chiarisce subito dopo quando presenta il primo brano («Tu sì 'na cosa grande») e lo dedica «al nostro presidente della regione Puglia, Nichi Vendola». La folla esplode in un applauso e il suo gruppo parte con questa versione arabo-folk del grande successo di Domenico Modugno (originario di Polignano, un paese piccino e bellissimo alle porte di Bari).
Eccezionali gli strumentisi: Michele Lobaccaro (basso e chitarre), Alessandro Pipino (pianoforte e tastiere), Anila Bodini (viola), Rita Paglionico (violino), Giovanna Buccarella (violoncello), Antonio Marra (batteria e percussioni).
Molto bravo anche Nabil che però, forse per l'emozione, stecca.
Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione