Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 04:19

Bari - Oscurato il manifesto di «Crysalis»

Atti osceni e istigazione alla pedofilia; denuncia per la curatrice della biennale d'arte. L'esposto riguarda l'immagine scelta per la comunicazione della mostra
Notificato un verbale con denuncia di atti osceni ed istigazione alla pedofilia a Grazia De Palma, curatrice della biennale d'arte contemporanea Crysalis, Teoria dell'evoluzione, in corso a Bari, al Castello Svevo. Ignoto l'artefice dell'esposto.
La denuncia riguarda l'immagine usata per la comunicazione dell'intera biennale, e presente su inviti e cartellonistica stradale, che propone l'opera Butterfly dell'autrice olandese Margi Geerlinks, che vive e lavora a Rotterdam.
E' previsto l'oscuramento dei manifesti stradali e il ritiro del materiale promozionale.
La curatrice della biennale e l'organizzazione (Metamorfosi onlus e Zenzero Production) difendono il valore artistico dell'immagine. «Si tratta di un'opera d'arte che raffigura una bambina nuda in atteggiamento non provocatorio, nè osceno. La scelta di quest'opera per la comunicazione della biennale è stata dettata dall'attinenza con il titolo e il tema del progetto, perchè la bambina ha sulla spalla una farfalla e la sua nudità rappresenta, nel rispetto di criteri di gusto artistico, l'idea dell'evoluzione e del bozzolo che diventa farfalla. Tema portante della comunicazione è infatti una frase di Lao Tze: ciò che per la crisalide è la fine del mondo, il mondo chiama farfalla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione