Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 01:17

Taranto - I piani Urban: dal progetto alla realizzazione

Un incontro nella città jonica tra i centri italiani ed europei, per fare il punto sulla prossima programmazione 2007- 2013. appuntamento il 26 e 27 maggio prossimo
TARANTO - Il passaggio dai piani strategici delle Città, alla costruzione delle prospettive nella nuova programmazione dei fondi strutturali 2007- 2013, nonché le macro aree di cooperazione europea per una nuova strategia di collaborazione e sviluppo tra i territori dell'Unione Europea, saranno questi i principali temi che si dibatteranno a Taranto dal 26 al 27 maggio prossimo.
Il capoluogo ionico sarà protagonista europeo e nazionale di un momento di riflessione e programmazione per tutto quello che concerne le città, come Taranto, destinatarie di cospicui finanziamenti comunitari nell'ambito dei progetti "Urban".

L'importante evento che vedrà coinvolte oltre 40 città italiane ed i rappresentanti del governo e dell'Unione, posto nell'agenda della Commissione Europea e del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per la messa a fuoco della prossima politica delle città tra i fondi comunitari per i prossimi sette ani, precederà l'incontro degli Stati membri che si terrà a Saarbrücken, nella prima decade del giugno successivo per affrontare le nuove specifiche scelte di politica economica europea sino al 2013.

Sullo Jonio, quindi, le città italiane, la rappresentanza europea e quella nazionale metteranno a fuoco l'attività svolta, quale momento di riscontro le migliori esperienze conseguite nel campo delle politiche per le città.
Di primario rilievo si prevede il dibattito che verterà sul passaggio dai piani strategici delle Città alla costruzione delle prospettive nella nuova programmazione dei fondi, in quanto esso continua ad essere di primaria attualità. Ciò, soprattutto, alla luce che i grandi centri urbani nazionali stanno presentando le proprie proposte tecnico-organizzative in tema di piani strategici, quali strumento direttorio generale che dovrebbe individuare i bisogni delle città da soddisfare con la prossima politica economica europea.
L'urbanistica, il welfare, l'ambiente, i trasporti continuano, infatti, a restare i temi principali da affrontare con strategie mirate in grado di traghettare le aree più deboli dell'Europa verso standard economici ed occupazionali simili a quelli delle aree più avanzate.

La città di Taranto, che sinora ha usufruito degli specifici finanziamenti comunitari "Urban", è stata prescelta per quest'importante evento perché rappresenta un punto avanzato di realizzazione delle politiche europee nel campo della rigenerazione urbana.
L'incontro che si terrà nel capoluogo ionico servirà, inoltre, a meglio precisare il punto di vista dell'Italia tra la nuova programmazione e nell'occasione i sindaci delle città italiane sottoscriveranno un documento unitario che sarà, appunto, presentato dal Governo italiano nel meeting di Saarbrücken.
«L'altro importante aspetto, quello relativo e macro aree di cooperazione europea una nuova strategia di collaborazione e sviluppo tra i territori dell'Unione Europea in funzione delle provvidenze comunitarie, la Città di Taranto - ha sottolineato Rossana Di Bello, rieletta recentemente sindaco della città ionica - è stata antesignana del nuovo disegno di cooperazione che l'unione europea intende promuovere per il settennato sino al 2013. Ho, infatti, lanciato questa proposta nel corso della mia recente visita nella Città di Atene trovando pieno interesse da parte del Sindaco della Capitale greca.
Il turismo e lo sviluppo infrastrutturale, direttamente derivanti dall'attuazione delle macro arre di cooperazione, sono i temi principali di confronto e collaborazione individuati e rappresentano le aree prioritarie che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti intende perseguire per lo sviluppo del Sistema Paese».
Paolo Lerario
lerariop@libero.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione