Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 03:01

«Il Sud rigetta la devolution»

Nichi Vendola, neopresidente della Regione Puglia a Roma a colloquio con Romano Prodi parla delle riforme costituzionali • Sabato grande festa a Bari per Nichi
Nichi Vendola ROMA - «Prodi mi ha chiesto un'opinione sulla devolution e gli ho riferito che nel Sud, in qualunque ambiente, parlassi non riuscivo neanche ad alludere al tema che subito si sollevava un frastuono, una reazione di rigetto viscerale»: così Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, risponde ai giornalisti al termine di un incontro nella sede dell'Unione con Romano Prodi.
Alla domanda se a suo avviso si farà la devolution, Vendola replica: «bisogna vedere, perché c'è un principio di dissoluzione della maggioranza». E sull'andamento dell'incontro con Prodi, aggiunge: «gli ho raccontato la campagna elettorale, ciò che sta accadendo al sud e in Puglia, un territorio particolare del Sud, più complesso e più moderno, che è sempre stato laboratorio nazionale. C'è una straordinaria domanda di cambiamento - prosegue - ed ho chiesto alla coalizione e a me stesso di essere all'altezza».
Vendola non ha specificato se con Prodi si sia affrontato l'argomento, ma ha puntualizzato: «non si tratta di comporre una giunta, ma di ragionare su una nuova classe dirigente nel senso più alto del termine. Non sono mancati alla Puglia assessori, ma il senso di cosa stava accadendo in Italia, nel Mediterraneo e nel mondo».
Con Prodi Vendola ha poi parlato della «necessità di stringere un patto tra le regioni del sud per mettere in piedi una nuova questione meridionale. Prodi convocherà una riunione dei presidenti del centrosinistra a breve e in quest'ambito un incontro tra i presidenti delle regioni del sud».

PRODI: CON NICHI DISCUSSO DI FAR RETE TRA I PRESIDENTI REGIONALI
«Con Vendola abbiamo cominciato a costruire la necessaria catena che ci deve essere tra le regioni: cioè guai se le singole regioni restano da sole». Lo ha detto il leader dell'Unione, Romani Prodi, a conclusione dell'incontro avuto questo pomeriggio nel suo studio con il neoletto presidente della regione Puglia, Nichi Vendola.
«Abbiamo cominciato con Nichi oggi e l'idea è proprio di rafforzare i legami fra tutte le Regioni. E quando dico tutte - ha proseguito Prodi - intendo non solo quelle in cui abbiamo vinto ma è anche un'offerta che estenderemo alle regioni che sono di centrodestra, perché non possiamo concepire l'autonomia regionale come una specie di anarchia in cui ognuno gioca contro gli altri, in cui si sprecano risorse e poi non si conclude niente». «Quindi - ha concluso - non abbiamo discusso nè di assessori, nè di incarichi, nè di cose che interessano tanto in questi giorni, ma proprio del futuro del Paese e delle regioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione