Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 19:43

Bari - Nuova bandiera di guerra ai bersaglieri

Cerimonia sabato 9 aprile, nella caserma "Milano" che ospita il 7° Reggimento, con il comandante della Brigata corazzata "Pinerolo", generale di Brigata Michele Torres, ed il comandante del 7°, col. Paolo Stendardo
BARI - Sabato 9 aprile, alla presenza del comandante della Brigata corazzata "Pinerolo", generale di Brigata Michele Torres, avrà luogo nella caserma "Milano", a Bari, la cerimonia per il rinnovo del drappo della Bandiera di Guerra del 7° Reggimento Bersaglieri.
Come ha sottolineato il comandante del 7° Reggimento Bersaglieri, col. Paolo Stendardo - 47 anni, originario di Trieste - la cerimonia riveste un particolare significato storico e morale in quanto il nuovo drappo, che ha sostituito il precedente che ha sventolato per trent'anni sulla Bandiera di Guerra portata di corsa dagli alfieri del reggimento, rappresenta, con le medaglie al valor militare che lo decorano di cui una d'oro per i combattimenti in Africa Settentrionale del 1941 - 43, il simbolo della continuità spirituale tra i bersaglieri di ieri e quelli di oggi, soldati portatori di pace ma, se necessario, pronti a difenderla con le armi.
Il bersagliere di oggi - ha continuato il col. Stendardo - è consapevole dell'eredità lasciatagli dalle schiere di bersaglieri in armi che da Goito a Porta Pia, dal Piave a Tobruk, hanno conquistato la meritata fama di "fanteria scelta", utilizzata nelle situazioni più difficili; l'addestramento dei bersaglieri del "Settimo" è pertanto, ancor oggi, ispirato a tali principi, sostenuto da una fede incrollabile nelle proprie capacità.
Il 7° Reggimento Bersaglieri, attualmente impegnato nella protezione di obiettivi sensibili in ben tre regioni del territorio nazionale, verrà immesso a fine anno in operazioni al di fuori del territorio nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione