Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 17:28

Bari - Tenta di uccidere la moglie, arrestato

Un meccanico di 59 anni, con precedenti penali per omicidio, picchia anche due figli maggiorenni: riteneva non ci fosse apprezzamento nei suoi confronti
BARI - Ha picchiato violentemente la moglie di 54 anni, e i figli, entrambi maggiorenni, perchè, a suo parere, in famiglia c'era uno scarso apprezzamento nei suoi confronti: per questo un meccanico barese di 59 anni, con precedenti penali per omicidio, è stato arrestato da agenti della sezione volanti della questura con l' accusa di tentativo di omicidio volontario, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce gravi.
A quanto si è saputo ieri gli agenti sono intervenuti su richiesta della figlia, una donna di 27 anni, allarmata dalla lite scoppiata tra i genitori. Agli investigatori la moglie ha detto che il marito l'aveva percossa e minacciata nonostante fosse intervenuto il figlio, di 30 anni, a tentare di dividere i genitori, e il marito ha giustificato il suo gesto sostenendo che i familiari avevano una scorsa stima di lui e ha continuato ad inveire anche contro gli agenti. Nel corso di successive indagini è stato accertato che l' uomo nell' 80 era stato condannato per aver ucciso volontariamente il cognato, il fratello della moglie, e successivamente aveva usufruito del condono presidenziale per il residuo della pena. In questi anni aveva continuato a minacciare la moglie - dalla quale è separato - e in particolare il primo aprile scorso ha tentato di ucciderla strangolandola mentre dormiva: solo l'intervento della figlia, richiamata dalle grida della madre, lo ha fatto desistere; nel settembre scorso, inoltre, l' uomo servendosi di un coccio ha picchiato la moglie e la figlia procurando loro lesioni al volto e al capo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione