Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:54

Preghiere e veglie in Puglia e Basilicata

Nelle Chiese di Puglia e Basilicata, come in tutto il resto del mondo, si moltiplicano le veglie di preghiera per chi si sente vicino al dolore del Papa
DUOMO DI LECCE GREMITO DI FEDELI «GRAZIE AL SIGNORE PER AVERCELO DATO
Numerosi fedeli hanno gremito da stasera il duomo di Lecce per partecipare ad una solenne messa per il Papa. E' stato monsignor Cosmo Francesco Ruppi ad officiare la funzione religiosa e a dare alla comunità di fedeli la notizia che pochi minuti prima «le Porte di San Pietro erano state chiuse e che Giovanni Paolo II si avviava ad incontrare il Signore».
«Manifestiamo la nostra gratitudine al Signore per avercelo dato» ha detto l'arcivescovo di Lecce nella sua omelia, ricordando come tutte le Cattedrali del mondo fossero affollate dalla preghiera. Ruppi ha ricordato quel desiderio che Giovanni Paolo secondo avrebbe espresso poco tempo fa, l'arrivo del momento in cui avrebbe potuto vedere il Signore, ricordando la visita del Papa nel settembre di undici anni fa.
«Questa cattedrale - ha detto - è stata l'ultima cattedrale della Puglia visitata dal Pontefice. Una visita - ha rivelato - che gli era rimasta a cuore: più di una volta mi ha ribadito quanto l'avesse colpito l'accoglienza data dalla Chiesa leccese, dicendomi 'quello che avete fatto non è solo ammirevole ma è incoraggiante per le altre Chiese'».

LA DIOCESI DI BARLETTA UNITA PREGHIERA AL SANTUARIO DELLO STERPETO
Una veglia di preghiera vocazionale, nel santuario diocesano dello Sterpeto di Barletta, verrà dedicata al Santo Padre. Lo comunica l'arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie, monsignor Giovan Battista Pichierri.
«Siamo spiritualmente uniti al Santo Padre - dice Pichierri - offrendo per Lui ininterrottamente la nostra preghiera attraverso l'offerta di tutta la giornata. E' il modo migliore per essergli accanto, così come si fa in ogni famiglia, là dove è presente un ammalato gravissimo, donando tutto l'affetto, la dedizione e la preghiera perché si compia in pieno la volontà di Dio. Siamo uniti a Pietro che, nel 'Totus tuus', sta rinvigorendo tutta la Chiesa universale nella fede nel Crocifisso Risorto. Affidiamolo alla Mamma del cielo e a san Giuseppe».

A S. GIOVANNI ROTONDO,SI PREGA PADRE PIO PER SANTO PADRE Sono numerosi i pellegrini giunti a San Giovanni Rotondo da tutta Italia che da diverse ore sono in preghiera per il Papa nella chiesa del convento di San Maria delle Grazie. Dalla mattina nella cripta dove sono deposte le spoglie di San Pio da Pietrelcina si è svolto un rosario straordinario celebrato da fra Nazario Vasciarelli, padre guardiano del convento. Anche nel pomeriggio, come stamani durante la celebrazione di ogni messa in cripta, viene rivolta una particolare preghiera per la salute del Santo Padre. Sullo schermo di Teleradio Padre Pio è comparsa un'immagine con due profili, uno di padre Pio e uno del Papa, e con un invito che i frati hanno rivolto ai devoti affinché si raccolgano in preghiera per il Santo Padre. In serata dovrebbe svolgersi una veglia di preghiera.

POTENZA, MESSA APERTA A CREDENTI ALTRE CONFESSIONI
Veglie di preghiera e celebrazioni eucaristiche in tutte le chiese lucane per invocare l'aiuto divino per Giovanni Paolo II. La conferenza episcopale della Basilicata ha programmato le liturgie nelle sei sedi vescovili, per «essere il più vicino possibile al Santo Padre».
Alle messe sono stati invitati «anche uomini e donne di buona volontà che, pur appartenendo ad altre confessioni religiose, hanno potuto conoscere e sperimentare la grandezza del cuore paterno del Papa». Il Presidente della Conferenza episcopale della Basilicata, Mons. Agostino Superbo, nel pomeriggio riceverà la visita del Presidente della regione, Filippo Bubbico, che parteciperà la «trepidante partecipazione della comunità lucana alla fase di acuta sofferenza del Santo Padre».

VESCOVI BASILICATA, LA SOFFERENZA LO ASSOCIA A PASSIONE DI CRISTO
«Il Santo Padre Giovanni Paolo II vive, in queste ore, momenti di grave sofferenza, che lo associano, in maniera ancora più forte, alla Passione di Nostro Signore Gesù Cristo». Inizia così il messaggio dei vescovi della Basilicata che invitano a pregare per il Papa.
«Mentre ringraziamo quanti, da tempo, pregano il Signore per Lui e per la sua salute, invitiamo tutti i fedeli cristiani a vivere in un'atmosfera di intensa preghiera queste ore di sofferenza e di speranza - dicono i vescovi -. Ci permettiamo di estendere l'invito anche a uomini e donne di buona volontà, che, pur appartenendo ad altre confessioni religiose, hanno potuto conoscere e sperimentare la grandezza del cuore paterno di Giovanni Paolo II. Tutti insieme, con fiducia, desideriamo essere il più vicini possibile al Santo Padre in questa prova dolorosa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione