Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 19:20

Puglia - Elezioni innovative con sistema informatico

E' stata siglata una convenzione tra il presidente della Regione ed i cinque prefetti e coordinata dalla Prefettura di Bari per l'impostazione, l'organizzazione e la gestione del sistema
BARI - Innovazione ed informatizzazione caratterizzeranno il sistema elettorale regionale nel quale troveranno un ruolo attivo Regione Puglia, Prefettura ed Università di Bari. La struttura hardware e software è stata presentata oggi, quasi alla vigilia delle elezioni.
Le operazioni di voto per le elezioni del consiglio regionale e del presidente della giunta regionale pugliese, infatti, si svolgeranno domenica 3 aprile si voterà dalle ore 8 alle 22 e lunedì 4 aprile dalle ore 7 alle 15. Le operazioni di scrutinio, invece, avranno inizio lunedì 4 aprile, subito dopo la chiusura delle votazioni e l'accertamento dei votanti per tutte le consultazioni. Per le elezioni comunali lo scrutinio avrà inizio alle ore 8 di martedì 5 aprile.
Il sistema elettorale regionale, comunque, sarà attivo sin dall'inizio delle elezioni con i dati dell'affluenza alle urne. Saranno 6 le circoscrizioni elettorali (Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto) per un totale di 3.916 sezioni alle quali si potranno recare 3.518.091 elettori.

«E' un test importante - ha spiegato Tommaso Blonda, Prefetto di Bari - sia sotto il profilo politico ma anche su quello della macchina elettorale perché sulla base della legge regionale n. 2 del 28 gennaio 2005 la paternità e gestione del procedimento elettorale è affidato alla Regione». E' stata siglata, a tal proposito, una convenzione tra il presidente della regione Puglia ed i cinque prefetti, il coordinamento sarà affidato alla Prefettura di Bari per l'impostazione, l'organizzazione e la gestione del sistema stesso.

«Questo sistema - ha continuato Blonda - che da tempo sta svolgendo il compito di organizzazione e gestione le votazioni è completamente nuovo ed ha richiesto la rivisitazione del sistema precedente che non poteva prescindere dal momento informatico, per il quale è stato richiesta la competenza dell'Università di Bari, che ha messo in campo le migliori professionalità. Ci siamo preparati bene. Abbiamo sottoposto il sistema allo stress delle prove simulando le prove più difficili».
La Prefettura di Bari, nello specifico, avrà compiti di coordinamento tra le altre prefetture e ruolo di registrare la situazione generale dell'andamento dei risultati dell'intera regione mentre l'Università di Bari dovrà organizzare e presentare i risultati elettorali in maniera statistica.
«Se funzionerà - ha concluso Blonda - questo sistema sarà mutuato anche per le elezioni del 2010».

COME SI VOTA

La scheda per le elezioni regionali è di colore verde. Ciascun elettore, con la matita copiativa, può votare con un unico voto per una lista provinciale per il candidato presidente ad essa collegato, tracciando un segno sul contrassegno della lista provinciale. In tal caso l'elettore potrà esprimere un voto valido sia per la lista provinciale, sia per il candidato presidente ad essa collegato.
Diversamente l'elettore potrà esprimere un voto disgiunto, cioè tracciare un segno sul simbolo di una delle liste provinciali ed un altro segno sul rettangolo che contiene il nome del candidato presidente, non collegato alla lista provinciale prescelta.
In altra maniera l'elettore potrà esprimere un unico voto per il candidato presidente tracciando un segno sul rettangolo contenente il suo nome, senza segnare alcun contrassegno di lista provinciale. In questo caso s'intende validamente votato il candidato presidente, mentre è esclusa ogni attribuzione di voto sia alla lista o alle liste provinciali collegate.
In ogni caso l'elettore potrà esprimere un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere compreso nella lista provinciale prescelta, scrivendo nell'apposita riga tracciata sulla destra del contrassegno, il cognome, ovvero il nome ed il cognome, ed in caso di omonimia, nome e cognome luogo e data di nascita.

Pierluigi De Santis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione