Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 16:17

Noci - Don Lodeserto ha celebrato Pasqua

Il sacerdote - arrestato per presunti maltrattamenti al centro per immigrati "Regina Pacis" di Lecce - è sempre ai domiciliari nell'abbazia dei monaci benedettini
NOCI (Bari) - Visibilmente provato e commosso, don Cesare Lodeserto, il responsabile del centro di accoglienza "Regina Pacis", in Salento, arrestato l'11 marzo scorso con l'accusa di abuso di mezzi di correzione e sequestro di persona, ha concelebrato la notte scorsa la messa di Pasqua nell'Abbazia della Madonna della scala di Noci, dove da due giorni si trova agli arresti domiciliari.
A celebrare insieme con don Cesare i riti pasquali particolarmente solenni che si svolgono nell'abbazia benedettina, situata su una collina alla periferia dell'abitato, erano il priore, don Donato Ogliari, e tutta la comunità dei monaci di Noci. Nell'abbazia, strapiena di fedeli, il sacerdote è apparso per la prima volta in pubblico dal suo arresto. E stamani ha celebrato anche la messa delle 9 su uno degli altari laterali della chiesa.
Da quando è arrivato nell'abbazia, nel pomeriggio del 25 scorso, don Cesare è stato quasi sempre in disparte, raccolto, immerso nella lettura dei libri che ha portato con sé a decine e che custodisce nella cella del monastero assegnatagli dal padre priore. Ai monaci benedettini che lo hanno accolto, ha detto di «amare in maniera particolare il clima di spiritualità che si respira nell'abbazia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione