Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 22:10

Foggia - Anziani segregati: due arresti

Gli agenti hanno arrestato Matteo La Gatta, di 36 anni e Maria Omerico, di 49 anni, in flagranza di reato con l'accusa di sequestro di persona in concorso fra loro
FOGGIA - Tenevano segregati nelle stanze e in letti con sbarre quattro anziani, percependo dai parenti somme che andavano dai 1.000 ai 1.300 euro perché li accudissero. Lo hanno scoperto gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Foggia, che hanno arrestato due persone Matteo La Gatta, di 36 anni e Maria Omerico, di 49 anni, in flagranza di reato con l'accusa di sequestro di persona in concorso fra loro. Ieri mattina gli agenti sono entrati in un appartamento in via del Mare a pochi metri dalla Cartiera. All'interno dell'abitazione, composto da una sala, un bagno, un cucinino e due stanze da letto, gli investigatori hanno trovato 4 anziani, due uomini e due donne, di cui due affetti anche da patologie particolari come il morbo di Alzheimer.
Quando gli agenti di polizia sono entrati in una stanza da letto, allarmati anche da una flebile voce che chiedeva aiuto, hanno trovato un anziano disteso su un letto ortopedico con le grate non solo ai lati, ma anche sulla testa. In pratica una vera e propria gabbia, che impediva all'uomo non solo di scendere dal letto ma anche solo di muoversi. Gli agenti hanno scoperto che i due accudivano le vittime dietro versamento una retta mensile senza però che i parenti degli anziani sapessero in realtà cosa accadeva all'interno della struttura. Nel corso della perquisizione sono stati trovati, all'interno di alcuni armadietti chiusi a chiave, medicinali di vario genere, pannolini, soluzioni fisiologiche e sedativi che, secondo quanto accertato, venivano somministrati ai pazienti. In un altro locale, dove aveva sede l'agenzia per gli anziani chiamata Il Sollievo, è stata sequestrata altra documentazione sanitaria relativa e molte ricette mediche. Gli agenti della Squadra Mobile hanno anche interrogato due cittadine extracomunitarie, addette alle pulizie dell'appartamento, che avrebbero confermato i maltrattamenti agli anziani. Una delle due donne è stata inoltre minacciata dal La Gatta con una pistola, perché non raccontasse nulla. L'arma, una pistola 8 millimetri, è stata trovata all'interno dell'abitazione dell'uomo. Subito dopo l'operazione sono arrivati i sanitari del il 118 che hanno accertato il precario stato di salute dei 4 anziani: tre di loro sono stati ricoverati agli Ospedali Riuniti di Foggia, mentre uno è stato affidato al figlio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione