Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 08:42

Al via finanziamento salva-boschi in Puglia

L'Ispettorato regionale delle foreste ha emanato i bandi per la presentazione delle domande di aiuto previste dalla misura 1.7 dei Programmi operativi regionali. I fondi sono destinati all'incremento e alla gestione dei boschi nonchè alla tutela della biodiversità delle foreste
Al via finanziamento salva-boschi in Puglia
BARI - Sono stati emanati i bandi per l'incremento e la tutela del patrimonio boschivo della Regione Puglia. Lo rende noto l'assessore regionale all'Agricoltura, Nicola Marmo, precisando che sono disponibili i relativi aiuti finanziari.
L'Ispettorato regionale delle foreste ha emanato i bandi per la presentazione delle domande di aiuto previste dalla misura 1.7 dei Programmi operativi regionali. I fondi sono destinati all'incremento e alla gestione dei boschi nonchè alla tutela della biodiversità delle foreste. Nello specifico, gli interventi per cui sono previsti aiuti sono gli imboschimenti a scopo ambientale, le opere di miglioramento dei boschi e la ricostituzione degli stessi per la prevenzione dei danni naturali e degli incendi.
L'imboschimento a scopo ambientale - rileva Marmo in un comunicato - serve alla creazione di popolamenti forestali da gestire con le tecniche della selvicoltura naturalistica, cioè il più possibile in equilibrio con le condizioni ambientali della stazione d'impianto e che necessitino quindi di bassi apporti di energia dall'esterno per il loro mantenimento. Un secondo intervento prevede finanziamenti per il miglioramento dei boschi. Per i soprassuoli governati a ceduo in buone condizioni vegetative, sono finanziati interventi di avviamento a fustaia. Per quelli a densità scarsa, invece, si rende necessario un generalizzato intervento di ricostituzione mediante tramarratura, riceppatura, rinfoltimenti con specie autoctone, inserimento di latifoglie nobili, ecc. Per i soprassuoli governati a fustaia, sono ammessi a finanziamento tagli fitosanitari e selettivi.
Sono altresì finanziabili - prosegue la nota - interventi di ricostituzione e miglioramento della macchia mediterranea. Per i boschi di conifere, sono ammessi interventi di diradamento selettivo. Sono ammessi a finanziamento, inoltre, diradamenti selettivi e spalcature nei giovani impianti di conifere.
Gli interventi per la ricostituzione dei boschi e per la prevenzione di danni naturali e degli incendi hanno l'obiettivo principale di contrastare fattori di degrado sia di natura meteorica, sia di natura biotica, sia di natura antropica.
Amministrazioni pubbliche, Comuni, ma anche consorziati e privati o associazioni sono i destinatari degli aiuti. Il contributo pubblico concesso può arrivare a coprire il 100 per cento dell'investimento ammesso a finanziamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione