Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 17:20

Banda larga al Sud, una gara da 127 mln

Il ministro delle telecomunicazioni, Maurizio Gasparri, ha annunciato il maxi-bando di gara. Saranno dotate di fibra ottica otto regioni tra cui Puglia e Basilicata
ROMA - Addio internet lumaca. Anche nel Mezzogiorno i collegamenti alla rete si apprestano a diventare più veloci grazie a 1.800 chilometri di fibra ottica che coinvolgeranno ben 265 comuni di Sicilia, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Abruzzo, Molise e Sardegna. Obiettivo dell'autostrada digitale, che sarà realizzata entro il prossimo anno tramite una gara il cui bando è stato pubblicato oggi, è quello di ridurre di oltre il 20% il divario tecnologico e le carenze infrastrutturali che ancora penalizzano alcune regioni del Centro-Sud.
L'appalto della gara è di 127 chilometri, mentre a gestirlo sarà Infratel Italia, incaricata da Sviluppo Italia su iniziativa del Ministero delle Comunicazioni. «Con la pubblicazione di questo banda di gara - afferma l'amministratore delegato di Sviluppo Italia, Massimo Caputi - abbiamo dimostrato che anche in Italia si possono ottenere buoni risultati in brevi tempi. Era necessario intervenire subito anche perchè se il distacco digitale non si sana ora rischia di diventare, con il passare del tempo, incolmabile».
«Si tratta di un primo passo importante per lo sviluppo della banda larga ed un segnale per il rilancio del sud. Questo darà un determinante contributo alla diffusione e all'utilizzo delle nuove tecnologie - precisa invece il ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri - La diffusione della banda larga è una grande opportunità per gli enti privati e pubblici per migliorare i servizi al cittadino ed alle aziende. rappresenta la vera sfida per lo sviluppo perchè, attraverso al velocizzazione della trasmissione dei dati e delle informazioni per via telematica, rende più efficiente la pubblica amministrazione. La telemedicina specializzata, la digitalizzazione delle diverse filiere industriali, ma anche la promozione del turismo via Internet, offrono occasioni di crescita all'imprenditoria locale che, in un mercato altamente competitivo, ha bisogno di strumenti tecnologici innovativi per migliorare l'efficienza».
Soddisfatto della pubblicazione del bando di gara e soprattutto della partecipazione attiva delle regioni è anche il vice ministro dellèEconomia, Gianfranco Miccichè: «Nel programma del Governo per lo sviluppo del sud la banda larga rappresenta un importante motore di sviluppo. Più tecnologia, soprattutto per il Mezzogiorno, significa più competitività, più risorse economiche e minore disoccupazione. Il piano di sviluppo Italia di mettere in rete l'economia del Sud è perfettamente in linea con la politica del Governo che nel decreto competitività ha addirittura esteso a tutto il territorio nazionale il programma di sviluppo della banda larga».
Alla realizzazione del progetto le regioni contribuiranno con le risorse a loro disposizione. Dei 127 milioni di euro di bando ben 49,85 andranno in Sicilia, che si è accaparrata la fetta di torta maggiore in quanto regione che ha contribuito in modo più sostanzioso alla realizzazione del progetto. Alla Puglia, invece, andranno 26,53 milioni, mentre alla Campania 17,99.
Ecco di seguito una breve tabella riassuntiva del bando di gara, nella quale sono indicati gli investimenti (dati in milioni di euro), il numero dei comuni coinvolti per regione, e la percentuale di riduzione del divario tecnologico che dovrebbe aver luogo in seguito all'intervento di Infratel.
REGIONE *** INVESTIMENTI *** COMUNI *** % RIDUZIONE GAP
----------------------------------------------------------------
SICILIA *** 49,850 *** 105 *** 43%
PUGLIA *** 26,530 *** 44 *** 20%
CAMPANIA *** 17,990 *** 40 *** 38%
BASILICATA *** 6,300 *** 10 *** 14%
CALABRIA *** 12,350 *** 25 *** 12%
ABRUZZO-MOLISE *** 7,900 *** 21 *** 12%
SARDEGNA *** 6,050 *** 20 *** 10%
----------------------------------------------------------------
TOTALE *** 126,970 *** 265 *** 22%

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione