Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 05:22

Inaugurata nuova caserma Cc a Ginosa

Il sottosegretario all'interno Alfredo Mantovano, con Irene Buttiglione, la madre del cap. Emanuele Basile, medaglia d'oro al valore militare, ucciso dalla mafia, ha inaugurato la struttura militare
Inaugurata nuova caserma Cc a Ginosa
GINOSA (TARANTO) - Il sottosegretario all'interno Alfredo Mantovano, con Irene Buttiglione, la madre del cap. Emanuele Basile, medaglia d'oro al valore militare, ucciso dalla mafia, ha inaugurato oggi a Ginosa la nuova caserma dei Carabinieri: la struttura militare si trova in una via, dedicata alla memoria dei caduti di Nassirya.
Mantovano, accompagnato dal generale di brigata Umberto Pinotti, ha passato in rassegna il plotone dell'Arma schierato, circondato da tutte le associazioni combattentistiche. E' seguito l'intervento del sindaco, Luigi Montanaro, che ha voluto, a brevi linee, tracciare la cronistoria della caserma. Realizzarla - ha detto - non è stato facile, poichè nel 2000 una circolare del Ministero dell'Interno impediva, di fatto, l'apertura di nuove caserme su tutto il territorio nazionale. «Più volte - ha detto Montanaro - ho dovuto recarmi di persona a Roma, presso il Ministero preposto, per spiegare le ragioni di richiesta di una nuova sede per una caserma, che doveva operare su un territorio, quello di Ginosa, ad ampia espansione produttiva, oltre che turistica». Dopo varie sollecitazioni ed interventi sono state ottenute tutte le autorizzazioni necessarie.
Per il concretizzarsi di questa nuova opera pubblica, il sindaco ha ringraziato soprattutto Mantovano, per il suo intervento strategico, Francesco Capobianco, comandante della stazione dei Carabinieri, che ha seguito l'intero iter per la realizzazione dell'opera, l'assessore comunale ai Lavori Pubblici, Angelo Innone, l'Ufficio Tecnico Comunale, che, con l'architetto Luigi Tratta, ha seguito i lavori e le imprese che li hanno realizzati. Il Comandante Provinciale dell'Arma, il col.Marco Picone, ha richiamato «il profondo attaccamento che i Carabinieri da sempre manifestano nell'assolvimento dei compiti di istituto, per assicurare ordine, legalità e serena convivenza civile».
«Questa nuova caserma - ha detto Mantovano - fa onore a Ginosa e all'Arma dei Carabinieri, che, con una sede adeguata e all'avanguardia, è stata messa nelle condizioni di poter esprimere le proprie potenzialità e di prestare, con efficienza e con gli strumenti giusti, il proprio servizio, con il consueto impegno. Da sempre i Carabinieri intervengono nella repressione del crimine, ma governano l'ordinario con continui interventi. Il loro impegno, nella gestione della quotidianità, ha sicuramente risultati positivi laddove autorità e funzionari pubblici, parrocchie, associazioni, negozianti, categorie di imprenditori e cittadini operano fattivamente in sintonia».
Dopo le note della Fanfara del 10x Battaglione dei Carabinieri della Campania, seguita dal plotone di Formazione, il vescovo della Diocesi di Castellaneta, mons.Pietro Maria Fragnelli, ha benedetto la nuova struttura. Alla cerimonia hanno partecipato anche l'on. Carmine Patarino, l'assessore regionale Pietro Lospinuso, il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, il prefetto, Giancarlo Ingrao, il questore, Eugenio Introcaso, il pm Matteo Di Giorgio.
Durante la cerimonia, un elicottero Augusta 402 è atterrato sulla pista di cui dispone la caserma, al servizio anche della Protezione Civile e degli interventi di primo soccorso. Un eliporto, che rende moderna e funzionale una caserma, già operativa da dicembre scorso, dotata di attrezzature sofisticate, interfono e telecamere interne. Estesa su una superficie di 800 mq, la struttura, costata 5 miliardi di lire, si sviluppa su tre livelli: un seminterrato con garage, depositi, palestra ed archivi; piano terra con ingresso, reception, sala operativa ed uffici; 1/o piano con sala ricreativa, sala per la ristorazione ed alloggi, 4 per ufficiali e 10 camerate per i Carabinieri in servizio, dotate di stanze singole con ogni confort.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione