Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 06:33

Faida garganica, arrestato latitante

L'operazione a Manfredonia. Ludovico Pacilli, di Monte Sant'Angelo (Foggia), ritenuto dagli investigatori elemento di spicco del clan Romito-Li Bergolis e latitante dal giugno 2004
MANFREDONIA (FOGGIA) - E' stato arrestato dalla polizia Ludovico Pacilli, di 31 anni, di Monte Sant'Angelo (Foggia), ritenuto dagli investigatori elemento di spicco del clan Romito-Li Bergolis e latitante dal giugno 2004. L' operazione è avvenuta nelle campagne di Manfredonia ed è stata compiuta da agenti del commissariato, in collaborazione con agenti della polizia scientifica di Roma e della squadra mobile di Foggia con l'impiego anche di un elicottero di Bari.
Pacilli era ricercato perchè nei suoi confronti era stata emessa, su richiesta dalla Dda di Bari, un' ordinanza di custodia cautelare in carcere con l' accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso nell' ambito di un' operazione fatta dai carabinieri del comando provinciale di Foggia.
Oltre a Pacilli, gli agenti hanno arrestato Libero Nasuto, di 36 anni, con l' accusa di favoreggiamento in quanto proprietario della masseria che si trova nella località Borgo Fonte Rosa, dove Pacilli si nascondeva. Durante una perquisizione gli agenti hanno trovato una pistola Beretta mod.92sb perfettamente funzionante e con matricola abrasa, venti proiettili cal.9x19, dieci dei quali inseriti nel caricatore, un coltello a serramanico e tre cellulari utilizzati - secondo gli investigatori - da Pacilli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione