Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 19:13

Dal 12 al 21 marzo nelle piazze pugliesi contro il tumore

L'olio extravergine d'oliva farà da "testimone" della quarta Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica. La Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore sarà presente per ricordare a tutti l'importanza della prevenzione
La Puglia contribuisce alla lotta contro il tumore con l'olio extravergine d'oliva. Sarà ancora il prodotto, frutto della terra pugliese, a far da "testimone" della quarta Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica. La Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore sarà presente dal 12 al 21 marzo prossimo nelle piazze pugliesi per ricordare a tutti l'importanza della prevenzione. La campagna di sensibilizzazione dal titolo "Prevenire è vivere senza tumori. La prevenzione vince i tumori" è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa.
Nelle piazze pugliesi saranno distribuiti opuscoli informativi sulle attività d'informazione ed educazione sanitaria per la prevenzione delle principali neoplasie (carcinoma del collo dell'utero e del seno, cancro della prostata) e sulla corretta alimentazione e con un piccolo contributo bottiglie del questo prezioso e salutare alimento della natura.
Durante la campagna, inoltre, gli ambulatori della Lega presenti sul territorio apriranno gratuitamente per fornire informazioni, suggerimenti ed eseguire esami di diagnostica precoce. L'elenco completo è consultabile sul sito www.legatumori.it.
L'attività intensa ed impegnativa avrà l'obiettivo di sensibilizzare sull'importanza del proprio benessere psico-fisico. A Bari, in particolare, partirà una campagna per la prevenzione dei tumori alla prostata attraverso visite urologiche e Psa gratuiti, un esame di sangue poco costoso che consente di effettuare una diagnosi precoce.
«La prevenzione - ha sottolineato l'Assessore regionale alla Sanità, Salvatore Mazzaracchio - è l'unica arma che abbiamo, nonostante il progresso scientifico abbia fatto passi da gigante».
Questi rischi possono essere, anche, evitati con una corretta alimentazione. Le cause dello sviluppo di un tumore, infatti, sono molteplici. Ma sappiamo che un'errata alimentazione può indurre la formazione di un cancro. Una informazione ed educazione alimentare appropriate, quindi, prevengono l'insorgere di un tumore. Le lesioni tumorali legate all'alimentazione riguardano in particolare l'apparato digerente, che si è dimostrato il più sensibile allo sviluppo di tale patologia. Numerosi studi condotti su diversi gruppi di popolazioni nel mondo, infatti, hanno dimostrato il rapporto tra alimentazione e diffusione del cancro. Una dieta equilibrata è in grado di ridurre del 35% il rischio di sviluppare un tumore. «Un'alimentazione non corretta - ha spiegato Michele Quaranta, Presidente della sezione barese della Lilt - e ricca di grassi saturi, animali e raffinati e povera di frutta e verdura può provocare danni anche gravi alla salute: dal soprappeso, all'obesità, ipertensione con l'aumento dei trigliceridi, fino alle patologie croniche come diabete ed alcuni tipi di tumori. Quelli più strettamente correlati con l'alimentazione sono quelli femminili (del seno, dell'utero), ma anche maschili (prostata, colon retto, pancreas, stomaco ed esofago)». L'olio di vergine d'oliva, il prodotto pugliese protagonista della manifestazione ed ingrediente alla base della dieta mediterranea, infatti, possiede proprietà salutari che lo rendono il simbolo di una corretta alimentazione e strumento ideale nella prevenzione del tumore e di altre patologie. «E' costituito da grassi vegetali - ha concluso Quaranta - saturi che proteggono le arterie, il contenuto di colesterolo è zero e ricco di sostanze antiossidanti che evitano il rischio di contrarre queste malattie».
Pierluigi De Santis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione