Cerca

Mercoledì 24 Gennaio 2018 | 00:51

Accattonaggio - Denunce-record in Puglia

Si ribellano soprattutto Taranto e Lecce. I dati presentati alle Camere dalla Polizia. Un bambino in Italia può arrivare a raccogliere fino a 100 euro al giorno
ROMA - Un bambino dedito all'accattonaggio in una grande città può arrivare a «guadagnare» fino a 100 euro al giorno. La stima è stata fornita, nel corso di un'audizione alla Commissione bicamerale per l'infanzia, da Raffaella Calabrese, responsabile dell'Unità del dipartimento di polizia criminale sulla raccolta dei dati sui minori. L'audizione è avvenuta nell'ambito di un'indagine conoscitiva che la Commissione parlamentare sta realizzando sull'infanzia abbandonata.
I minori coinvolti nell'accattonaggio sono per lo più stranieri, soprattutto nomadi e - ha precisato Calabrese - a volte vengono impegnati anche in attività illecite aggiuntive come borseggi, spaccio di droghe e sfruttamento sessuale. E' da sottolineare un incremento al Nord di bambini sfruttati provenienti dalla Romania e dal Marocco. L'accattonaggio - ha tenuto a precisare la funzionaria - è altamente remunerativo per le organizzazioni criminali che utilizzano, appunto, i minori sfruttandoli economicamente, privandoli dell'istruzione, obbligandoli a vivere per strada in condizioni di vero e proprio pericolo e, a volte, utilizzando strumenti coercitivi.
Lo scorso anno, l'accattonaggio ha registrato complessivamente nel nostro paese 540 denunce; sono state denunciate 494 persone. Rispetto all'anno precedente, si è avuto un lieve decremento, rispettivamente -5,3% e -4,6%. Tuttavia, in alcune realtà, l'incremento è stato molto significativo. Secondo i dati forniti da Calabrese, a Latina c'è stato un aumento sia delle denunce sia dei denunciati pari al 200%; a Taranto del 1.500%; a Lecce dell'800%; a Ragusa del 600% e a Siracusa del 700%. Al contrario, nel Trentino Alto Adige si è avuta una riduzione del 25%, in Liguria del 40%, in Calabria del 71,4%. Rimini, Teramo e Siena registra un meno 50%; Terni e Benevento meno 70-80%.
Calabrese ha inoltre reso noto che ogni anno ci sono circa 3 mila segnalazioni di minori scomparsi; l'80% di questi di solito rientrano quasi immediatamente e sono riconducibili ad adolescenti che spontaneamente si allontanano da casa e poi vi fanno ritorno. Il funzionario di Polizia ha sottolineato che in questa materia è stata fondamentale la legge 288 del 2003, che consente l'arresto della persona che sfrutta per accattonaggio minori o disabili adulti. Contro questi fenomeni la polizia di stato ha impartito precise circolari e direttive.
Sempre oggi, in commissione, sono stati ascoltati gli assessori Milano e Pantano del Comune di Roma, che hanno illustrato progetti di sostegno all'infanzia e di prevenzione dell'abuso e del maltrattamento, sperimentazioni già in corso che hanno avuto un forte apprezzamento dalla stessa commissione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400