Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 07:50

Sequestrati capannoni abusivi nel Parco Murgia

Tre delle quattro strutture non erano ancora state ultimate. Erano state ubicate in una zona nella quale è possibile solo l'agricoltura, all'interno del Parco nazionale del'Alta Murgia
ALTAMURA (BARI) - Quattro capannoni abusivi, tre dei quali non ancora ultimati, realizzati all'interno del Parco nazionale del'Alta Murgia, in una zona nella quale è possibile solo l'agricoltura, sono stati sottoposti a sequestro da personale del Corpo forestale dello Stato in collaborazione con la polizia municipale di Altamura.
Le costruzioni si trovano lungo la statale per Bari, a circa quattro chilometri da Altamura. I capannoni hanno ciascuno una estensione compresa tra i mille e i 600 metri quadrati e sarebbero dovuti servire per opifici. I sequestri hanno riguardato anche le aree di pertinenza, per un totale di circa cinque ettari di superficie. Nel capannone già ultimato è insediata una azienda che produce cucine: i magistrati Roberto Rossi e Renato Nitti che indagano sulla lottizzazione abusiva, hanno disposto il sequestro lasciando però la facoltà d'uso.
In un'altra costruzione, invece, sono state trovate tettoie, non ancora montate, in cemento amianto, un prodotto fuori legge da anni perchè nocivo alla salute. I titolari delle quattro società costruttrici dei capannoni sono stati denunciati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione