Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 13:52

Bari - A scuola di «Media Education»

Seminario di studi il 3 marzo, aperto al pubblico, presso la cooperativa sociale «Lavoriamo Insieme». "Quale TV per i bambini tra ideazione e produzione" il tema. Sarà condotto da Mussi Bollini, produttore esecutivo di Rai3 (responsabile, tra l'altro, del programma la Melevisione)
Educare i genitori per far crescere più consapevoli i figli. A questo mira l'argomento del seminario di studi: "Quale TV per i bambini tra ideazione e produzione", condotto Mussi Bollini, produttore esecutivo di Rai3 (responsabile, tra l'altro, del programma la Televisione). L'appuntamento è previsto a Bari, giovedì 3 marzo (alle 17), presso la sede della cooperativa sociale «Lavoriamo Insieme» ed è aperto al pubblico.
Di fatto, l'incontro sarà un'occasione per fare il punto sul laboratorio, attualmente in corso, dal titolo «Programmi televisivi e sviluppo umano», destinato ad una trentina di genitori del Centro socio educativo «Mosaici» e realizzato in collaborazione con la Cattedra di Pedagogia Sperimentale dell'Università di Bari.
«Questo itinerario formativo - dice, Maria Cavalluzzi, responsabile della progettazione e conduzione del laboratorio, è nato come tentativo di dare risposta a un bisogno dei genitori di collocare quanto più saggiamente possibile l'esperienza televisiva dei propri figli, ma anche di comprendere come la televisione condizioni, proponendo modelli culturali e comportamentali anche agli stessi adulti».
«Gli obiettivi del laboratorio - continua - sono diversi: aiutare i genitori a riflettere (sui motivi che spingono, bambini e adulti, a guardare la tv; sul modo in cui la comunicazione televisiva catalizza l'attenzione), a comprendere (le identità e i modelli veicolati via cavo; quali tracce queste esperienze lasciano nel vissuto dello spettatore, di qualsiasi età), ad attivarsi (per aiutare i bambini a non confondere l'esperienza virtuale con la realtà) e, infine, a utilizzare le tecnologie come fattori di espressione e accrescimento dell'esperienza personale».
Ed è proprio per familiarizzare e conoscere da vicino lo strumento Tv che i genitori che partecipano al laboratorio sono impegnati nella sceneggiatura di un cortometraggio, da realizzarsi come ultimo segmento di quest'attività formativa, «che si concluderà a giugno».
Vi è da aggiungere che il progetto è in rete con i Centri-gioco di Bari («L'Isola Verde» a Poggiofranco e «Il Giardino dell'Infanzia» a Madonnella); all'incontro sarà presente anche Antonio Baldassarre, docente dell'Università di Bari nonché responsabile della supervisione.
Stefania Lisena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione