Cerca

Domenica 21 Gennaio 2018 | 00:08

Da Washington a Specchia una delegazione della Niaf

Dopo aver visitato Lecce, Taranto e Brindisi, alcuni membri della National Italian American Foundation, domenica 27 febbraio faranno tappa in uno dei paesi salentini caratterizzato da una forte espansione turistica
LECCE - Da Washington a Specchia: una delegazione della National Italian American Foundation (Niaf) visita la città salentina. Fondata nel 1975, quest'organizzazione americana si propone di aiutare la comunità italo-americana a mantenerne vivi valori e tradizioni, facendo sì che pubblico e mezzi di comunicazione siano a conoscenza dei contributi degli italiani alla storia e al progresso degli Stati Uniti.
Dopo aver visitato Lecce, Taranto e Brindisi, alcuni membri della Niaf, domenica 27 febbraio, faranno tappa in uno dei paesi salentini caratterizzato dalla forte espansione turistica.
Secondo l'Apt (Azienda di Promozione Turistica) di Lecce, il Comune di Specchia ha registrato nell'ultimo anno un incremento del 41,7% di turisti; di fatto negli ultimi anni, ha già ottenuto altri riconoscimenti nel settore turistico: nel 2004 è stato inserito tra i Comuni italiani iscritti al «Club dei Borghi più Belli d'Italia»; nel 2003 ha ricevuto dall'European Federation Tourist Press (Federazione Europea Stampa Turistica), il premio europeo «Benemeriti del Turismo e dell'Ospitalità», con la seguente motivazione: «per il notevole contributo dato alla promozione del turismo sostenibile e alla riscoperta e valorizzazione delle tradizioni storico-culturali del proprio territorio».
La delegazione della Niaf, composta da tour operator, giornalisti specializzati del settore turistico, importatori ed esperti di gourmet, dopo aver visitato i beni del patrimonio architettonico-culturale e le strutture turistiche, verrà ricevuta dal primo cittadino della città salentina, Antonio Lia, concludendo la giornata con una degustazione di prodotti agroalimentari tipici.
«I notevoli risultati raggiunti nel settore turistico - precisa il sindaco Lia - sono frutto delle iniziative intraprese dall'Amministrazione comunale, come la realizzazione dei lavori di riqualificazione del centro storico, la capacità di elaborare e concretizzare idee complesse ed innovative nel settore turistico, ad esempio, le 16 abitazioni dell'Albergo Diffuso «Residenza In» nel borgo antico di Specchia, già da anni meta di turisti statunitensi, e la ristrutturazione di Borgo Cardigliano ora utilizzato quale complesso turistico, che hanno richiamato l'attenzione di numerosi turisti italiani e stranieri, in alta e anche in bassa stagione».
E non solo: da qualche anno, il Comune ha istituito l'Albo Comunale degli Esercenti per l'attività di Bed & Breakfast «perché riteniamo - aggiunge il primo cittadino di Specchia - che è necessario e anche sostenibile, diversificare l'offerta turistica».
Stefania Lisena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400