Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 11:31

Bari - Reintegrati 31 dipendenti delle Ccr

Sentenza della Corte d'appello. Sono lavoratori della "Cbh spa", la società che ha rilevato nel 2000 le cliniche del gruppo di sanità privata "Case di cura riunite"
BARI - Confermando la sentenza di primo grado la Corte d'appello di Bari ha disposto la reintegrazione in servizio e il risarcimento dei danni per 31 dipendenti della "Cbh spa", la società che ha rilevato nel luglio 2000 le cliniche del gruppo di sanità privata in convenzione "Case di cura riunite" (Ccr). I 31 lavoratori erano stati licenziati nel 2002, dopo che la Cbh era stata costretta a prenderli al lavoro da un altro provvedimento della magistratura che aveva dichiarato illegittimi i criteri di scelta delle numerosissime persone da licenziare in virtù di presunti esuberi dichiarati.
La sentenza della Corte - spiega in una nota lo studio legale Candalice, che ha assistito i lavoratori - era «molto attesa anche dai circa 100 lavoratori, anch'essi licenziati nel maggio 2002 nell'ambito della stessa procedura di licenziamento collettivo» perchè consentirà anche a questi ultimi «di ottenere identiche pronunce di reintegrazione». Adesso si attende l'esecuzione degli ordini impartiti dai giudici con l'effettivo ritorno in servizio dei lavoratori.
Per l'avv. Fabio Candalice, «ancora una volta è stata fatta giustizia. Adesso i lavoratori si attendono il pieno rispetto delle sentenze. Lo stato di estrema difficoltà economica e di disagio sociale in cui 'sopravvivonò i miei assistiti, fa parte di un ben deliberato piano, diretto a far desistere gli stessi dalla loro battaglia giudiziaria per la dignità umana e per la difesa dei posti di lavoro». «Questi lavoratori, padri e madri di famiglia, oltre a non essere retribuiti da tre anni e a essere bollati come gente indesiderata, non si capacitano - conclude l'avvocato - e soffrono indicibilmente dell'assurdo comportamento della Cbh che, pur condannata dai giudici, non provvede al loro effettivo reinserimento al lavoro. Questa condotta ha cagionato e sta cagionando danni gravissimi e forse irreparabili alla vita di ciascuno di quei lavoratori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione