Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 15:01

Netturbino crivellato di colpi nel Foggiano

Serafino Daloiso è stato ucciso con quattro colpi di pistola. Il suo corpo è stato trovato all'interno di un centro di stoccaggio per rifiuti a San Ferdinando di Puglia
SAN FERDINANDO DI PUGLIA (FOGGIA) - «Era una persona mite, tranquilla. Un grande lavoratore che non ha mai creato problemi e che conduceva una vita regolare, tutta casa e lavoro». Così viene ricordato dai suoi colleghi di lavoro Serafino Daloiso, il netturbino di 57 anni ucciso oggi con quattro colpi di pistola calibro 7,65 sparati da distanza ravvicinata. I proiettili lo hanno ferito all'emitorace sinistro.
Le indagini sul delitto, condotte dai carabinieri del comando provinciale e della compagnia di Cerignola, sono dirette dal sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Foggia, Maria Elisa Landi. Gli investigatori, al momento, escludono che il delitto sia maturato in ambienti malavitosi.
Secondo quanto emerso da un primo esame eseguito dal medico legale, Stefano D'Errico, il netturbino sarebbe stato ucciso tra le 8 e le 10. Il cadavere, riverso in una pozza di sangue, è stato invece trovato verso le 11,30 da alcuni colleghi che lo stavano cercando, meravigliati per non averlo visto al lavoro. Il corpo di Daloiso giaceva nel capannone di un centro di stoccaggio per rifiuti ingombranti della ditta «Sia-Consorzio igiene ambientale bacino Foggia 4», che opera su un'area che comprende nove Comuni del Basso Tavoliere.
Nel capannone Daloiso attendeva l'arrivo di camion carichi di rifiuti ingombranti per poi smistarli. Accanto al cadavere sono stati trovati quattro bossoli. Non ci sarebbero testimoni del delitto e le indagini sono rese più difficili dal fatto che la vittima non aveva precedenti penali. I carabinieri stanno scavando anche nella vita privata della vittima per verificare se vi siano stati episodi che possano risultare utili alle indagini. In queste ore gli investigatori stanno sentendo i familiari e tutti i colleghi del netturbino ucciso.
Il cadavere di Daloiso è stato trasportato nell'obitorio degli Ospedali Riuniti di Foggia a disposizione dell'autorità giudiziaria che disporrà nelle prossime ore l'autopsia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione