Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 00:01

In carcere per violenza sessuale, si uccide

L'uomo di Corato era stato fermato e portato nel penitenziario di Trani. Era stato accusato di tentata violenza sessuale su una ragazzina di 14 anni, ma aveva respinto l'accusa
TRANI (BARI) - Un uomo di 34 anni, arrestato due giorni fa a Corato (Bari) per tentativo di violenza sessuale su una quattordicenne, si è impiccato nel carcere di Trani. L'uomo sia al momento dell'arresto sia ieri nel corso dell'udienza durante la quale il gip del Tribunale di Trani ha convalidato l'arresto, si era proclamato innocente.

Secondo l'accusa, l'uomo - che al momento dei fatti era in leggero stato di ebbrezza - il 18 febbraio scorso, a Corato, in una strada del centro del paese, si era avvicinato ad una ragazzina di 14 anni, si era calato i pantaloni mostrandole i genitali e aveva tentato di abbracciarla. La ragazzina, spaventata, era riuscita a fuggire e aveva raccontato tutto ai suoi amici e ad una pattuglia di carabinieri, che poco tempo più tardi arrestarono il 34/enne.
Ieri, nel corso dell'udienza dinanzi al gip, l'arrestato si era difeso dicendo che si era abbassato i pantaloni solo per un bisogno fisiologico e che la ragazzina era arrivata in quel momento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione