Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 13:15

Accoltella 15 studenti «vivaci»

L'uomo è entrato nell'Istituto Alberghiero di Leporano (Taranto) e li ha feriti. Non sopportava più che insultassero sua cognata, gravemente handicappata
TARANTO - Era esasperato per un copione che si ripeteva ogni giorno, quando i ragazzi dell' istituto alberghiero di Leporano, all'ingresso o all' uscita da scuola, passavano dinanzi a casa della cognata, una donna con un grave handicap mentale e la insultavano. Così, quando per l'ennesima volta l'episodio si è ripetuto, non ci ha visto più, ha fatto irruzione nella scuola e, impadronitosi di un coltello, ha aggredito i ragazzi terrorizzandoli e ferendone 15. Poi è stato bloccato ed arrestato dai carabinieri.
Per fortuna, le ferite dei ragazzi sono tutte lievi. Gli studenti sono stati medicati sul posto da personale del 118 e rimandati a casa.
Il fatto è successo nel primo pomeriggio alla periferia di Leporano. Dinanzi all'ennesima derisione, l'uomo ha agito d' impulso portandosi dietro la donna che ha 31 anni ed è rimasta praticamente inerte ad assistere a quanto avveniva attorno a lei. E' entrato nella scuola inseguendo un gruppo di ragazzi che ancora una volta avevano mancato di rispetto alla donna. Ha raggiunto la cucina dell'istituto dove ha preso un coltello e ha cercato di bloccare i ragazzi che tentavano di scappare. Brandendo il coltello ne ha feriti 15 prima che i carabinieri che nel frattempo erano stati avvertiti, riuscissero a bloccarlo. Poi, portato in caserma, ha spiegato tutto e ha parlato del rancore nei confronti dei quei ragazzini che tormentavano la donna. L'uomo che ha 58 anni, secondo quanto riferiscono i carabinieri, è una persona che conduce una vita tranquilla, ha un impiego normale e non ha precedenti penali. Ora è in carcere con l'accusa, oltre che di lesioni, di sequestro di persona.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione