Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 20:57

S. Severo - Arrestati coniugi estorsori

L'uomo, che ha numerosi precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio ed era in regime di affidamento in prova ad un servizio sociale, è fratello di Roberto, soprannominato «Bobby lo zingaro» arrestato con l'accusa di aver ucciso un tabaccaio nel luglio del 2003
SAN SEVERO (FOGGIA) - Con l'accusa di aver tentato di estorcere denaro a commercianti, agenti del commissariato di polizia di San Severo hanno arrestato due coniugi: Michele Bevilacqua, di 27 anni, e sua moglie Daniela Santacroce di 23. L'uomo, che ha numerosi precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio ed era in regime di affidamento in prova ad un servizio sociale, è fratello di Roberto, soprannominato «Bobby lo zingaro» arrestato con l'accusa di aver ucciso un tabaccaio nel luglio del 2003. Secondo una ricostruzione dell'accaduto fatta dagli investigatori, nei giorni scorsi la coppia si era recata in un negozio del centro della città e aveva preteso dai proprietari, minacciandoli di morte, una somma di danaro. In quell'occasione Bevilacqua, innervosito dalla determinazione di uno dei titolari, lo aveva anche colpito con un pugno al volto. Successivamente i due estorsori avevano inviato una lettera in cui ribadivano le minacce di morte e le richieste estorsive. I titolari dell'esercizio commerciale hanno denunciato l'accaduto agli investigatori e quando ieri i due estorsori sono tornati per riscuotere la «somma» pretesa, sono stati bloccati e arrestati dai poliziotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione