Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 08:29

Nel Foggiano le armi della camorra

Erano in un vecchio casolare di San Severo, sono servite per diversi omicidi.
• Mafia a Bari, arrestato uno degli ultimi Capriati in libertà
ROMA - Un deposito di armi di un gruppo camorristico attivo tra Campania e Lazio, dove avrebbe messo a segno omicidi e rapine, è stato scoperto nelle campagne di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. A custodirlo era Michele Dragano, 44 anni, pregiudicato del posto che è stato arrestato dai militari del Reparto Operativo della Compagnia della cittadina pugliese, in collaborazione con il Nucleo dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma.
Le armi, un fucile a pompa, un fucile calibro 12 a canne sovrapposte, una pistola 44 magnum ben funzionante con sei colpi in canna e altri sei custoditi con del nastro adesivo, erano nascoste in un podere di proprietà dello stesso pregiudicato. Secondo gli inquirenti Dragano era custode e basista dell'organizzazione. Le armi gli venivano affidate e ogni qualvolta servivano era lo stesso pregiudicato foggiano a consegnarle ai destinatari oppure gli uomini del clan venivano a San Giovanni a prenderle di persona.
All'uomo i carabinieri del Comando provinciale di Roma sono giunti mediante intercettazioni telefoniche. I carabinieri di San Giovanni lo hanno individuato e fermato.
L'arresto e il ritrovamento costituiscono l'ultimo troncone di una inchiesta su una faida camorristica che parte dalle indagini sull'omicidio di Giuseppe Carlino avvenuto sul litorale laziale tra Pomezia e Torvajanica nel settembre del 2001 e che nel gennaio scorso portò all'arresto di sei persone considerate mandanti ed esecutori dell'agguato. L'omicidio Carlino, secondo alcune ipotesi invetigative, sarebbe stato pianificato nel carcere di Poggioreale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione