Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 16:17

E' nato il sindacato dei pescatori pugliesi

Si tratta della Uila- pesca Puglia; finora questa categoria era aggregata al settore sindacale del braccianti ma d'ora in poi avrà una propria personale strada da percorrere
Adesso i pescatori pugliesi hanno un loro proprio sindacato: è nata la Uila- pesca Puglia, con lo scopo di garantirgli un'autonomia di crescita autonoma e indipendente.
Finora questa categoria era aggregata al settore sindacale del braccianti ma d'ora in poi avrà una propria personale strada da percorrere.
«Al momento sono già un migliaio gli iscritti - dice Oronzo Bufano, tesoriere - soprattutto pescatori di Molfetta, Mola, Manfredonia e Polignano, ma contiamo di incrementare il numero degli affiliati soprattutto per tutelare realtà come quelle delle cooperative che, finora sono, erroneamente, state trattate alla stregua dei ricchi armatori».
«Il nostro fine - prosegue - è anche quello di aggregarci per preparare progetti da sottoporre alla Regione, per usufruire dei fondi Por destinati al settore ittico. Allo stesso ente, inoltre, chiederemo un posto di presenza nella commissione regionale della pesca. Attualmente a rappresentare la nostra categoria vi è un rappresentante della Flai, federazione della Cgil che accomuna braccianti e pescatori. La neonata Uila-pesca, invece, è solo esclusivamente dedita al progresso della categoria specifica».
In sintesi, gli obiettivi che il sindacato regionale dei pescatori pugliesi si propone sono: sviluppare l'azione sindacale, assicurando la sua presenza ovunque operino i lavoratori della categoria; promuovere iniziative finalizzate al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, con particolare riguardo alle tutele contrattuali e previdenziali; promuovere i principi della pesca responsabile e intraprendere tutte le iniziative utili a divulgare i contenuti del codice di condotta Fao; infine, offrire ai lavoratori la possibilità di conseguire un'adeguata preparazione professionale.
Invece, a livello nazionale, Mazara del Vallo è la sede della Commissione generale della pesca nel Mediterraneo che, per quest'anno ha fissato le priorità del settore che puntano: al rinnovo del Ccnl dei lavoratori imbarcati e del biennio economico dei dipendenti a terra delle cooperative di pesca; la partecipazione della Uila-pesca alla stesura del nuovo piano triennale; l'introduzione nel comparto di un sistema di ammortizzatori sociali, come pure il ripristino dell'assistenza sanitaria presso le Asl dei comuni di residenza.
Stefania Lisena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione