Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 17:11

Un centro di ricerca ambientale a Taranto

La sindaco ne vorrebbe fare una fondazione che possa far nascere e crescere un polo scientifico-culturale. Il rigassificatore tra i problemi da risolvere
TARANTO - Sarà creato a Taranto un entro di ricerca ambientale con l'obiettivo di raccogliere le informazioni ambientali e monitorarle sotto la supervisione di ricercatori universitarie della Asl.
Il centro sarà operativo, nel giro di quattro-sei settimane - ha spiegato l'ingegner Michele Mirelli, dirigente comunale tarantino del settore Ambiente.
La necessità di dotare Taranto di questa struttura scientifica è stata anche sostenuta dal Sindaco del capoluogo ionico, Rossana Di Bello, per puntare a gestire i problemi ambientali, anziché continuare ad esserne dominati, in modo tale che «la ricerca non rimanga fine a se stessa. Vogliamo assemblare - ha sostenuto il Sindaco - tutte queste informazioni e produrre proposte che servano a migliorare la qualità della vita».
Della struttura farà parte il mondo accademico ed, infatti, all'incontro tecnico di avvio, hanno partecipato il preside delle facoltà di Ingegneria, Lorenzo Liberti, e di quella di Scienze ambientali, Angelo Tursi, il Dipartimento di prevenzione dell'Asl con il dott. Michele Conversano, e la facoltà di Medicina dell'Università di Bari, presieduta dal prof. Giorgio Assennato e responsabile del corso di studi in Tecnici per la prevenzione ambientale funzionante anche a Taranto.

L'importanza dell'iniziativa a Taranto è data, particolarmente, dalla richiesta della facoltà barese di Medicina perché « la costituzione di un centro di ricerca ed alta formazione - ha affermato Assennato - dove ambiente e salute sono trattati in modo unitario è un fatto innovativo in tutta l'Italia meridionale. In questo campo, più si investe e più si raccoglie».
Soprattutto in previsione di altri insediamenti nell'area portuale, come quello del rigassificatore ancora sul tappeto.
«Gli strumenti finanziari per avviare e far funzionare il Centro - ha sottolineato il Sindaco - potrebbero venire dalla formula della fondazione, che prevede l'intervento di capitali privati o da altri canali di finanziamento pubblico».
Il Centro diverrà la struttura operativa degli Enti locali, che, in tal modo, saranno messi in condizione di effettuare scelte più mirate in tema ambientale, sostenute dall'autorevole supporto scientifico.
Al proposito si prevede l'istallazione di un avanzato laboratorio di tossicologia industriale, essenziale per monitorare meglio lo stato di salute dei lavoratori.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione