Cerca

Sabato 20 Gennaio 2018 | 14:03

Ferrovie - Taranto-Bari più comoda con Minuetto

Il nuovo convoglio, che ha iniziato a collegare lo Jonio all'Adriatico, è il secondo dei quattro che Trenitalia prevede di far circolare in Puglia a breve, in seguito alla sottoscrizione di uno specifico piano tra la Regione Puglia e la stessa Trenitalia
TARANTO - Trenitalia punta a migliorare il confort e la sicurezza del trasporto dei pendolari sulle tratte ferroviarie regionali pugliesi con "Minuetto".
E' questo il nome, infatti, del nuovo convoglio che ha iniziato a trasportare i passeggeri da Taranto a Bari con prestazioni più elevate e molte novità di quelli vecchissimi e che ancora continuano ad essere utilizzati.
Il nuovo convoglio, che ha iniziato a collegare lo Jonio all'Adriatico, è il secondo dei quattro che Trenitalia prevede di far circolare in Puglia a breve, in seguito alla sottoscrizione di uno specifico piano tra la Regione Puglia e la stessa Trenitalia.
I nuovi treni, che hanno la firma di un designer di tutto rispetto come Giugiaro, sono stati acquistati - come ha illustrato l'assessore regionale ai Trasporti, Pietro Ingrao, nel corso della cerimonia del taglio del nastro del nuovo convoglio alla presenza del Prefetto di Taranto, Giancarlo Ingrao, e del direttore regionale di Trenitalia, Agostino Romita - con fondi della delibera Cipe, destinati agli interventi migliorativi del Mezzogiorno.
La stessa azienda ferroviaria ritiene - come sostenuto da Romita - che con l'entrata in funzione di Minuetto la crescita della domanda di trasporto dei passeggeri su rotaia crescerà, in quanto il nuovo treno potrà garantire servizi all'avanguardia e prestazioni elevate.
E' convinzione, infatti, dei vertici di Trenitalia che il mercato avrà un'espansione interessante e, per questo, dal prossimo marzo lancerà una tariffa low-coast sulla percorrenza Bari-Roma.
Le previsioni di Romita sono state sostenute dall'assessore Franzoso, che prevede il completamento del raddoppio ferroviario della Bari-Taranto entro il 2010. Per questa importante opera, di cui se ne sente l'esigenza da oltre un trentennio, vi è già «la disponibilità di 420 milioni di euro, di cui la metà è stata già spesa per i tratti cantierizzati».
L'obiettivo della Regione e di Trenitalia, inoltre, è quello di arrivare al biglietto integrato treno-bus urbani, che permetterà di avere sensibili risparmi a chi sceglierà di utilizzare con i mezzi pubblici.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400