Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 05:46

Trani - Archiviata l'inchiesta su Fazio

Depositato il provvedimento per la mancanza di dolo nel comportamento di Bankitalia e Consob ma si mettono in evidenza lacune nell'attività ispettiva
BARI - Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Michele Nardi ha accolto la richiesta di archiviazione avanzata dal pm di Trani Antonio Savasta nei confronti del governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, e dell'ex presidente della Consob Luigi Spaventa per l'inchiesta riguardante la ex Banca 121 (gruppo Mps).
Fazio e Spaventa erano indagati a Trani per il reato di favoreggiamento reale (art. 379 codice penale) ipotizzato nell'ambito di un'inchiesta per truffa aggravata e continuata a migliaia di persone nell'ambito del collocamento sul mercato finanziario di prodotti emessi negli anni scorsi dall'ex Banca 121, Btptel, Btpindex e Btponline.
Il gip Nardi ha depositato stamane il provvedimento che dispone l'archiviazione e che consta di una settantina di pagine.
A quanto si è saputo in estrema sintesi, nel provvedimento si decide l'archiviazione per la mancanza di dolo nel comportamento di Bankitalia e Consob ma si mettono in evidenza lacune nell'attività ispettiva.
Sulla richiesta di archiviazione formulata dal pm Antonio Savasta si era tenuta il 3 novembre scorso un'udienza camerale nella quale erano state discusse le posizioni del pubblico ministero, dei legali di Fazio e Spaventa e dell'avvocato Gaetano Scamarcio, difensore di diversi risparmiatori che si sono opposti alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura. A conclusione dell'udienza il gip si era riservato di decidere, riserva sciolta con il provvedimento depositato oggi.
Nell'indagine del pm Savasta sono indagate circa 50 persone per il reato di concorso in truffa aggravata e continuata a migliaia di sottoscrittori dei prodotti Btp-tel, Btp-index e Btp-on line emessi negli anni scorsi da Banca 121. Tra gli indagati figurano l'ex direttore generale di Banca del Salento (poi Banca 121) e del Mps, Vincenzo De Bustis Figarola, ora amministratore delegato di Deutsche Bank Italia spa; Lorenzo Gorgoni, ex presidente di Banca 121 e componente del comitato esecutivo di Mps, e Rosanna Venneri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione