Cerca

Lunedì 22 Gennaio 2018 | 19:20

Putignano - Fermati rapinatori di banche

Avevano compiuto due rapine in mezz'ora, traditi dalle telecamere, dall'accento e dall'impronta di una scarpa. Si tratta di due pregiudicati brindisini
Putignano - Fermati rapinatori di banche
PUTIGNANO (BARI) - Sono stati traditi dall'impronta di una scarpa e dalle telecamere a circuito chiuso che erano a protezione della sicurezza della banca: con l'accusa di aver compiuto due giorni fa, in poco meno di mezz'ora, due rapine in due differenti istituti bancari a Putignano, due uomini sono stati fermati dai carabinieri.
I fermati sono Paolo Sorato, di 33 anni, e Francesco Saponaro, di 21, entrambi con precedenti penali, di Ostuni (Brindisi). Le indagini sono state fatte dai militari di Putignano e Gioia del Colle.
Il 26 gennaio scorso, due persone hanno compiuto, minacciando gli impiegati con coltelli, una prima rapina nella sede della filiale della Banca Arditi Galati (impossessandosi di 5.000 euro), quindi in quella della Carime (dove si fecero consegnare 15.000 euro). I due si nascosero il volto con un calzamaglia indossandola mentre erano nel bussolotto girevole della porta della banca: furono però ripresi da una telecamera ad alta definizione che era stata posta nel vano d'entrata.
Sulla base di quella immagine e anche tramite l'individuazione avvenuta attraverso il loro forte accento brindisino i due sono stati identificati e fermati. Sono stati rintracciati entrambi a casa di Saponaro dove gli investigatori hanno inoltre trovato una scarpa che uno dei rapinatori calzava e con cui avevano lasciato - mercoledì era un giorno piovoso - una netta impronta di fango in una delle due banche. I due erano fuggiti a bordo di una vettura risultata rapinata ad una donna a Lizzano (Taranto).
Con molta probabilità i due hanno agito insieme con un complice, che li avrebbe attesi all'esterno e che è ricercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400